È stato aperto questa mattina intorno alle 12 il fusto ritrovato la scorsa settimana lungo la spiaggia di Villammare, la cui presenza aveva messo in apprensione l’intera comunità, preoccupata per il suo contenuto.

Sul recipiente infatti era ben evidente il nome della ditta di produzione, la Kidama Mauser, un’azienda tedesca che si occupa della produzione di fusti idonei per la spedizione di liquidi pericolosi o prodotti chimici. Ma fortunatamente all’apertura del recipiente è stata scongiurata la presenza di prodotti tossici che avrebbero comportato un notevole inquinamento delle acque.

L’operazione condotta dai Vigili del Fuoco del Distaccamento di Policastro Bussentino in collaborazione con gli uomini della Polizia Locale, agli ordini del Comandante Antonio Quintiero, ha rilevato la presenza all’interno del fusto solamente di acqua. Probabilmente si è trattato di un contenitore utilizzato dalle navi come zavorra e poi disperso in mare.

L’intera comunità di Villammare, dopo giorni di apprensione, ha dunque potuto finalmente tirare un sospiro di sollievo.

– Maria Emilia Cobucci –


  • Articolo correlato:

9/11/2019 – Ritrovato sulla spiaggia di Villammare fusto idoneo al trasporto di liquidi pericolosi

Un commento

  1. E se il contenuto si fosse sversato in mare e il mare avesse lavato il recipiente stesso? Io non sorriderei in ogni caso. Non si sa mai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*