Un giovane disoccupato di 32 anni di Teggiano trova per terra un portafoglio con dentro documenti e una banconota da cento euro (ed altri spiccioli) e, dopo averlo raccolto, lo consegna ai Carabinieri.

E’ successo a Teggiano dove, nei pressi dell’Ufficio postale di Prato Perillo un giovane, notando il portafoglio per terra, lo raccoglie e si avvia verso casa a bordo della sua autovettura. Lungo la Strada Provinciale Teggiano-Polla incontra un Carabiniere in località Piedimonte, impegnato nella regolamentazione dell’imponente traffico dovuto alla presenza di migliaia di partecipanti “Alla tavola della Principessa Costanza”. Il giovane, a questo punto, scende dalla propria autovettura e si avvia verso il militare, consegnandogli il portafoglio e spiegando l’accaduto.

Sono bastati pochi minuti ai militari dell’arma della stazione di Teggiano comandanti dal maresciallo Francesco Pennisi per individuare il proprietario del portafoglio, un lavoratore saltuario e padre di tre figli che, commosso dal bellissimo gesto, ha ringraziato i Carabinieri e, per loro tramite, l’autore del bellissimo gesto che ha voluto rigorosamente rimanere nell’ anonimato.

– redazione –


 

9 Commenti

  1. Si, bel gesto ma dobbiamo capire che erano solo 100 euro altrimenti molto probabilmente non lo avrebbe restituito, Non facciamo i falsi buonisti e ammettiamo la verità. Vorrei vedere la reazione di chi ha commentato il posto prima di me se domani trovasse una borsa con un milione di euro.

  2. Voglio fare i miei complimenti a questo ragazzo- Le persone oneste esistono.

  3. Complimenti, bel gesto, Fiero di essere teggianese. Purtroppo oggi queste cose fanno notizia, invece dovrebbe essere normalità. Spero che il giovane sia stato ricompensato.

  4. Emiliano says:

    ormai un’azione normalissima diventa così eclatante da doverci scrivere un articolo di giornale

  5. Certo, un bel gesto, che fa notizia perche questo in Italia non è normalità, poi gli onesti in Italia rientrano secondo me nella categoria dei “fessi” e cioè difficile per loro per es.fare politica, carriera lineare o, come sostiene Paolo trovare un lavoro etc., invece sono buoni per pagare le tasse.

  6. Mario Senatore says:

    Questo gesto è talmente bello che sembra non vero! Io so, ivece che è vero perché è capitato anche a me circa tre anni fa: ho trovato, lungo un marciapirdi, due assegni firmati e senza il nome del beneficiario. Uno era di cinquemila euro e l’altro di tremila. Tramite un amico avvocato rintracciai nel giro di due ore l’emissario: era un industriale della pasta che non sapeva niente del fatto dal momento che, dopo averli firmati, li aveva consegnati ad un suo impiegato. Lo informai che i detti assegni si trovavano presso lo studio dell’avvocato amico e là avrebbe potuto ritirarli in qualsiasi momento (cosa che fu fatta nel primo pomeriggio). Lo pregai solo di non prendere provvedimenti severi nei confronti del collaboratore. Fu sbrigativo ed aspro e non mi disse neppure “grazie”. (In questo il giovane di Teggiano è stato più fortunato: ha trovato una persona gentile e civile, forse perché umile e portatore di valori come lui.

    Comunque mi complimento con Lui e concordo pienamente con Paolo: giovani così costituiscono una rara risorsa per chiunque voglia accaparrarsela.
    Per la cena, sono d’accordo con LUX ma dovrebbe essere il Sindaco ad invitarlo, fiero di avere tra i Suoi Cittadini uno dello stampo di quel giovane.

    Mario Senatore

  7. Bravo!!! Io direi.. quantomeno lo si dovrà invitare ad una bella cena!!!

  8. mi associo con te Paolo

  9. Questo ragazzo andrebbe aiutato ad avere un lavoro,onesti cosi andrebbero tutelati ,e merce rara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.