A Teggiano, in località San Giovanni, un cane di grossa taglia è caduto in un canale artificiale, presumibilmente da oltre un mese, e non è stato più capace di uscirne.

L’animale esanime è stato tratto in salvo dal personale della Polizia Municipale di Teggiano, che, transitando in quel tratto di strada, si era fermata per un controllo stradale.

Immediatamente gli agenti si sono resi conto della gravità dello stato di salute dell’animale, che sembrava già morto. Al cane sono state prestate le prime cure ed è stato sfamato con una scatoletta di carne e del pane.

Sono stati allertati il servizio veterinario dell’ASL, il rifugio Oasi Felix di Polla, che ha preso in custodia il cane, ed il personale dell’Ufficio Manutenzione del Comune di Teggiano, che è intervenuto con scale e corde per poter scendere nel canale ed imbracare lo sventurato animale.

– redazione – 


5 Commenti

  1. Il cane è sopravvissuto un mese xchè nel canale c’era l’acqua.Si è preferito non far intevenire i VV.FF. xchè il recupero dell’animale non presentava difficoltà particolari e/o complesse!Grave il fatto che nessuno abbia segnalato l’episodio prima….

    • Chiamare i Vigili del Fuoco NON è un optional ma un dovere, infatti ,anche nelle grandi città il RECUPERO e SALVATAGGIO degli animali intrappolati,anche un gatto salito su un albero, è fatto ESCLUSIVAMENTE dai caschi rossi.La chiamata al 115 è gratuita, come pure l’intervento.

  2. Quindi il cane è sopravvissuto più di un mese senza cibo ! sbalorditivo… : -(((

  3. Io ringrazierei già il cielo perché il cane è salvo! Non credo che una volta chiamatii veterinari l’intervento dei vigili del fuoco avrebbe cambiato qualcosa.

  4. Perchè non sono stati chiamati i Vigili del Fuoco, molto più esperti del personale del servizio Manutenzione del Comune? I Vigili del Fuoco hanno, per LEGGE, le seguenti priorità per i SALVATAGGI:
    1. PERSONE;
    2. ANIMALI;
    3. COSE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*