E’ terminata nel tardo pomeriggio di oggi la visita ispettiva da parte del Dirigente Tecnico del Ministero dell’Istruzione, dottoressa Mirella Scala, presso l’Istituto di Istruzione Superiore “Pomponio Leto” di Teggiano, per acquisire tutte le informazioni necessarie per la gestione del “caso” riferito allo schiaffo di un docente del Liceo Artistico rivolto ad un alunno, ripreso da un video che è stato successivamente reso pubblico sul web.

Top secret l’esito dell’ispezione, i cui risultati ora passeranno al vaglio dei responsabili dell’Ufficio Scolastico Regionale.

Il docente che si è reso responsabile del gesto, intanto, in attesa delle decisioni che saranno assunte direttamente dall’USR Campania, è stato sostituito dalla Dirigente Maria D’Alessio nelle attività di insegnamento mentre, parallelamente, è scattata d’ufficio anche l’indagine interna tesa a verificare sia l’entità delle responsabilità del docente, sia eventuali altre responsabilità derivanti dalla mancata osservanza della Direttiva del Ministero dell’Istruzione numero 104 del 30 novembre 2007, riguardante il trattamento illecito e la diffusione impropria di dati personali.

La Procura della Repubblica di Lagonegro, intanto, ha avviato un’inchiesta parallela per l’accertamento dei fatti, affidando al Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Sala Consilina le relative indagini.

– redazione –


  • Articolo correlato:

7/10/2020 – Teggiano: docente del “Leto” dà uno schiaffo ad un alunno. I compagni lo riprendono in un video

3 Commenti

  1. Quanto tempo e denaro pubblico sprecati per un ceffone!Un pò di serietà non guasterebbe,a tutti i livelli.

  2. Sono d’accordo.Forse qualche salutare ceffone doveva prenderlo dai genitori,il pargoletto!

  3. Tonino B. says:

    E’ se si trattasse di un sano salutare ceffone? Violenza da condannare sempre e comunque a scanso di equivoci, ma talvolta nei giovanissimi e non solo la buona educazione non alberga in loro e può scattare una reazione che era meglio, molto meglio evitare. Ma a proposito i ragazzi che hanno filmato come si permettono di tenere in classe il loro smartphone e pure acceso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.