Il tragico incidente stradale che all’alba di questa mattina ha macchiato di sangue via Nazionale a Trinità di Sala Consilina fa emergere la particolare pericolosità del tratto di strada interessato. A perdere la vita dopo uno scontro con un furgone è stato il 23enne di Buonabitacolo Mario Monaco, a bordo della sua Peugeot 2008 con una ragazza di Padula e una di Casalbuono.

I residenti della zona hanno dunque avuto un amaro risveglio, ma non si tratta della prima volta che proprio quel punto, a pochi passi da un incrocio, diventi d’improvviso scenario di drammatici incidenti.

Un cittadino, Antonio Priore, fa dunque appello alla sensibilità del sindaco di Sala Consilina e degli amministratori affinchè si facciano portavoce con gli Enti di competenza per tentare di arginare il problema e dare la giusta priorità alla sicurezza stradale e all’incolumità di chi vive in quella zona.

Chiedo all’Amministrazione – dichiara Antonio Priore attraverso Ondanews – che si attivi concretamente, magari a posizionare delle bande rumorose o qualcosa che faccia rallentare il traffico. Siamo stanchi di vivere in ansia per noi ed i nostri familiari anche quando ci spostiamo a piedi in questa frazione“.

Vivo in questo punto di Trinità da tantissimi anni – conclude – e di incidenti gravi ne ho visti tanti. Stamattina mi si è spezzato il cuore“.

– Chiara Di Miele –


  • Articolo correlato:

3/8/2020 – Tragico scontro tra un’auto e un furgone a Trinità di Sala Consilina. Un morto

2 Commenti

  1. Giovanni says:

    Per non parlare di Atena Lucana..lasciamo stare,una zona commerciale piena di traffico e di aziende… le sostituzioni stanno solo a guardare quando tutto questo si potrebbe minimizzare al massimo con degli interventi costante di controllo e con autovelox, viviamo nella paura di un fenomeno che ultimamente sta facendo troppe vittime ed ora basta..

  2. Gennaro De Riggi says:

    Io abito proprio in quei cento metri teatro di tantissimi incidenti. In special modo in estate, che si dorme, con le finestre aperte sentiamo sfrecciare auto e moto ad altissima velocità e poi frenate al limite, per poi sbattere, su un muretto , marciapiede, o magari fermare la corsa nel nostro piazzale che proprio difronte alla strada e alla curva incriminta. Fino ad oggi ci sono stati tantissimi incidenti che ci hanno fatto sobbalzare nel cuore della notte e correrere a prestare aiuto, se ce ne fosse stato bisogno; ma mai come questa mattina così grave ed angoscioso, si e capito da subito, che era gravissimo.
    Chiediamo e sollecitiamo gli organi preposti e competenti ad attivarsi il più presto possibile a mettere in atto dispositivi per evitare che non avvengano mai più tragedie del genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano