Il sindaco di Buccino, Nicola Parisi, venuto a conoscenza che sul territorio comunale sono presenti persone provenienti da Codogno, paese del Lodigiano riconosciuto come focolaio di Coronavirus, e da Piacenza, area già interessata dal contagio del virus, ritiene opportuno e necessario disporre l’ordinanza di applicazione della quarantena con sorveglianza attiva.

Così ha ordinato agli interessati di non lasciare per almeno 14 giorni l’attuale domicilio e di non avere contatti con altre persone.

Le stesse persone devono seguire in maniera puntuale le disposizioni in tema di profilassi stabilite dalle Autorità Sanitarie in relazione all’emergenza in atto per il Coronavirus (COVID-19) nonché ogni disposizione in merito dal Ministero della Salute e dagli altri organi istituzionali preposti.

Parisi, in via del tutto precauzionale, ha ordinato la sospensione dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonchè la sospensione delle manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura da oggi fino al 1° marzo.

– Chiara Di Miele –

 

 

4 Commenti

  1. Non devono scendere dal nord ! X il momento

  2. Complimenti al s Sindaco, non sottovalutare il problema è serio, non sono allarmismi , si chiama prevenzione.

  3. CARMINE VOLPE says:

    Ma non era il caso di effettuare prima gli opportuni controlli, inteso come test, per poi adottare eventuali provvedimenti? Così, mi pare, passi il concetto che in tutti i luoghi nei quali vi sono “ritorni” da aree interessate si debbono chiudere scuole e luoghi pubblici e mettere in quarantena le persone. E poi, come si fa a stabilire quali contatti abbiano avuto queste persone? Con questo criterio occorrerebbe sigillare Lombardia e Veneto… Mah…

  4. Francesco Abate says:

    Egoisti e opportunisti. Mi dispiace…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*