Riapertura Tribunale. Paladino:”Scarso interesse per la vicenda dal Consiglio di Sala Consilina”





































L’avvocato Angelo Paladino, presidente dell’Unione Giuristi Cattolici – Sezione di Sala Consilina, a fine marzo ha scritto ai consiglieri comunali della città capofila del Vallo di Diano in merito alle vicende legate alla soppressione del Tribunale e del Carcere.

L’avvocato, in quella occasione, chiedeva di verificare la disponibilità del ministro Alfonso Bonafede in merito alla rivisitazione della geografia giudiziaria e alla possibile riapertura del Palazzo di Giustizia soppresso, così come espresso dallo stesso guardasigilli nel corso di un incontro al Ministero.

A distanza di 15 giorni dalla lettera inviata a tutti i consiglieri comunali di Sala Consilina e a tutti i Sindaci del comprensorio – dichiara Paladino – registro con piacere che la Giunta Comunale di Sant’Arsenio, su proposta del vicesindaco Capozzolo, ha deliberato in tal senso e che il consigliere comunale di opposizione di Sala Consilina, Giuseppe Colucci, ha chiesto la convocazione di un Consiglio comunale per discutere dell’argomento“.











Il presidente dell’Unione Giuristi Cattolici ringrazia, quindi, il sindaco di Sant’Arsenio Donato Pica e il consigliere Colucci, ma evidenzia, con rammarico, “che proprio il Consiglio comunale che si terrà oggi a Sala Consilina non porta all’ordine del giorno l’argomento. Si appalesa, purtroppo, lo scarso interesse per una vicenda come quella del Tribunale che ha condizionato e condiziona pesantemente le sorti della comunità salese e del Vallo di Diano“.

– Chiara Di Miele –


  • Articolo correlato:

30/3/2019 – Tribunale e Carcere. Paladino ai consiglieri di Sala Consilina:”Verificare disponibilità di Bonafede”



































Un commento

  1. Francesco da Sala says:

    Evidentemente non avete capito che da 15 anni a questa parte, chi ha ammistrato Sala a pensato solo ai cazzi loro fregandomene di noi cittadini, ora preparano liste diverse ma della stessa pasta, speriamo solo che i Salesiani lo capiscano.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*