polizia evidenza 7Un uomo di 42 anni è stato arrestato a Potenza dalla Polizia con le accuse di atti persecutori e di tentata estorsione nei confronti dell’ex moglie.

Secondo le ricostruzioni della Squadra Mobile di Potenza, l’uomo era riuscito in diverse occasioni a farsi consegnare del denaro dalla ex minacciandola di sottrarle il figlio minorenne. Il 42enne prelevava i soldi utilizzando indebitamente una carta poste-pay della vittima.

Ieri è stato arrestato dai poliziotti in flagranza di reato mentre si trovava nei pressi dell’abitazione dell’ex moglie a cui in precedenza aveva inviato sms minatori. Il 42enne è stato trovato in possesso della poste-pay della donna.

Già diverse persone avevano segnalato alla Polizia che l’uomo, pensando che l’ex moglie si trovasse in casa, stava prendendo a calci e pugni la porta d’ingresso dell’abitazione della donna.

Il 42enne è stato condotto agli arresti domiciliari.

– Chiara Di Miele –

2 Commenti

  1. Giovanni says:

    I domiciliari ma questa è una vergogna , deve andare in carcere ma dové la giustizia , in America per un reato simile ti fai dai 5 ai 10 anni .

  2. annamaria says:

    altro che domiciliari, dategli l’arresto cautelativo, per proteggere l’ex moglie,da certezza di violenza più grave contro di lei!!! proteggete le donne da questi ex pazzi squilibrati mentali, prima che succeda l’indescrivibile morte della donna per mano dell’ex impazzito. se adottate questa soluzione per un ex impazzito, vedrete che altri uomini si asterranno dalla violenza contro le ex mogli, ripensando alla pena che gli spetterebbe.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*