L’appello lanciato attraverso Ondanews da Giuseppe D’Amato, giostraio di Sala Consilina, riguardo alla situazione vissuta da tutti gli operatori che lavorano nel settore delle feste di piazza e degli eventi simili, ancora bloccati nella Fase 2 dell’emergenza sanitaria, ha già avuto una prima importante risposta.

Questa mattina, infatti, nella chiesa di Trinità si è tenuto un incontro tra il Vescovo della Diocesi di Teggiano-Policastro, Padre Antonio De Luca, ed alcuni rappresentanti delle varie professionalità. I lavoratori hanno esposto una serie di problematiche inerenti alle attività bloccate.

Chiaramente – spiega proprio Giuseppe D’Amato – non abbiamo potuto garantire la distanza sociale vista la tipologia del nostro lavoro che si basa proprio sulla quantità di pubblico. Il Vescovo è stato da subito molto disponibile pur chiarendo di non aver nessun potere decisionale ma è per noi un primo passo“.

Il noto giostraio valdianese, nell’appello lanciato attraverso la nostra redazione, aveva chiesto proprio al Vescovo la possibilità di riprendere le feste di piazza per il prossimo mese di luglio.

Monsignor De Luca ha proposto ai lavoratori presenti questa mattina un ulteriore incontro con la partecipazione di tutti i sindaci del Vallo di Diano così da coinvolgere anche le istituzioni politiche del territorio.

Noi abbiamo insistito sul fatto di ripartire almeno per metà luglio – conclude Giuseppe -. Speriamo piano piano di arrivare fino al Presidente della Regione De Luca“.

– Chiara Di Miele –


  • Articolo correlato

19/5/2020 – La Fase 2 blocca i lavoratori delle feste di piazza. Il giostraio Giuseppe D’Amato: “Mi appello al buon cuore del Vescovo De Luca”

Un commento

  1. Giulio Cafaro says:

    Noi che lavoriamo per feste e sagre come facciamo ad andare avanti se le feste non si fanno chi da da mangiare ai nostri figli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*