La costa di Scario setacciata in cerca dell’escursionista francese. Ultimo avvistamento alla stazione



































Sono nove giorni che di Simon Gautier non si hanno notizie, ma la macchina dei soccorsi procede ininterrottamente. Vigili del Fuoco, uomini del Soccorso Alpino, Carabinieri e Corpi Speciali setacciano palmo a palmo l’intera zona lungo la costa di Scario dove l’escursionista francese potrebbe essersi avventurato lo scorso venerdì, per compiere un viaggio in direzione Napoli, immerso nel verde della natura.

Questa mattina cinque droni, in dotazione dei Vigili del Fuoco, hanno sorvolato l’intera area che dal Pianoro di Ciolandrea scende verso il mare, ma ancora nessuna notizia positiva sul ritrovamento del 27enne francese. Impegnati oggi nelle ricerche anche i Carabinieri della Stazione di Marina di Camerota, diretta dal Maresciallo Francesco Carelli, che, in compagnia degli uomini della Protezione Civile di Camerota, hanno perlustrato il territorio che da Punta Infreschi arriva alla spiaggia di Marcellino, a confine con il Comune di San Giovanni a Piro, ma dello studente francese nessuna traccia.







Intanto spuntano le prime immagini, diffuse dal Comune di Santa Marina, che riprendono Simon Gautier alla Stazione Ferroviaria di Policastro Bussentino, dove il turista francese è arrivato giovedì pomeriggio intorno alle 16. Dai frame delle telecamere di videosorveglianza del Comune di Santa Marina, sembrerebbe che il 27enne dopo l’arrivo alla Stazione si sia diretto nei pressi del fiume Bussento, vicino al Centro Canoe presente in zona. Un ulteriore tassello necessario per ricostruire le ultime ore di Simon prima della sua scomparsa.

– Maria Emilia Cobucci –


  • Articolo correlato

16/8/2019 – Escursionista francese scomparso nel Golfo di Policastro. La madre: “Aiutatemi a ritrovare Simon”

16/8/2019 – Escursionista francese disperso nel Golfo di Policastro. La telefonata al 118 prima di scomparire



































2 Commenti

  1. Rocco Panetta says:

    A quest’ora il giovane Francese sarebbe già stato ritrovato se nei territori del Vallo di Diano e del Saprese fossero attive DUE distinte, per territori: lucano e campano, Centrali Operative del NUMERO UNICO EUROPEO per le EMERGENZE: 112, con LOCALIZZAZIONE AUTOMATICA del CHIAMANTE. A questo serve il pulsante con la scritta: E-CALL presente su alcuni nuovi modelli di AUTO EUROPEE . Pensate dall”autostrada Salerno-Reggio Calabria chiamando il 113 (Polizia di Stato) rispondono i CARABINIERI, pur essendo in servizio, su tutte le autostrade italiane, SOLO la POLIZIA STRADALE. Da OLTRE 10 ANNI il Codacons Vallo di Diano denuncia, INASCOLTATO, con comunicati stampa, il CAOS dei numeri d’EMERGENZA: 112,118,113,115, esistente nel Vallo di Diano.

  2. Dispiace sempre apprendere queste notizie ! Purtroppo il fai da te in territori sconosciuti e pieni di pericoli,non va bene .ci sono tante guide disponibili ,mappe sui cellulari ed altro.il Cilento è stupendo ma vasto ,presenta tanti anfratti di natura vulcanica ,cunicoli e voragini ,inghiottito che si incontrano nelle viscere della terra.mi sembra davvero incosciente avventurarsi in luoghi non conosciuti,speriamo in bene

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*