vallo di diano evidenza nuova 02Terzo ed ultimo appuntamento con la panoramica dedicata ai giovani ed alla socialità per quel che riguarda i centri del Vallo di Diano. Questa volta l’attenzione è puntata su altri 6 paesi, ovvero Atena Lucana, Padula, Pertosa, San Pietro al Tanagro, San Rufo e Sassano

Ad Atena Lucana mancano il Forum e l’Informagiovani. La frazione Scalo si sta arricchendo sempre più di attività commerciali che, in alcuni casi, vedono protagonisti i giovani. Non sono molte le occasioni e le manifestazioni che vedono particolarmente protagonisti i giovani. Tra i principali rientra la “Festa della birra” e l’evento “Piatti poveri”.

A Padula il punto d’incontro principale, soprattutto in estate, è la piazza anche per via delle iniziative attuate dagli esercizi commerciali presenti, gestiti da giovani. Manca l’Informagiovani. Il Forum dei Giovani è uno dei più attivi del territorio. Al riguardo il paese si è caratterizzato, tra le altre cose, per  aver ospitato il “Forum day”, stati generali delle politiche giovanili, con risonanza regionale. Il cartellone degli eventi estivi risulta sempre abbastanza ricco di iniziative.

Pertosa, paese più piccolo del Vallo, non presenta l’Informagiovani. Il Forum è, invece, costituto. Il classico punto di ritrovo è rappresentato dalla piazza mentre in estate è sfruttato il piazzale delle Grotte. I giovani solitamente si spostano nei paesi limitrofi, ovvero a Caggiano, Auletta e Polla. L’evento principale è rappresentato dal “Negro Festival”. La Fondazione MIdA e la relative strutture sono un importante punto di riferimento ed una preziosa occasione di crescita.

San Pietro al Tanagro presenta sia il Forum che l’Informagiovani. La comunità giovanile, per lo più, si sposta nella vicina Sant’Arsenio o nei paesi limitrofi. La Villa comunale, di recente inaugurata, potrebbe fungere da prezioso luogo di ritrovo. “Mulini in festa” e la “Festa della cipolla” rappresentano eventi che coinvolgono un gran numero di giovani. Da evidenziare, inoltre, l’attivismo e la presenza delle realtà istituzionali, associative sul web e sui social media.

A San Rufo è presente sia l’Informagiovani che il Forum dei Giovani. Il cartellone degli eventi estivi è abbastanza ricco. Al centro del programma l’organizzazione delle manifestazioni ”La sposa e lo sposo sanrufese”, “Miss e mister San Rufo” con protagonisti i giovani del posto. Caratteristica è anche la sagra dei fiori di zucca.

A Sassano è operativo il Forum. Nel corso dell’anno la Biblioteca comunale dà vita a diverse attività dedicate, in particolare, ai più piccoli. I giovani sono protagonisti attivi degli eventi e delle diverse sagre organizzate nel periodo estivo. E’ presente anche uno sportello dedicato ad idee e progetti, in particolar modo giovanili, il “Think Thank”.

– Cono D’Elia –


  • Articoli correlati

16/09/2016 – Il Vallo di Diano non è un posto per giovani? Panoramica su 5 paesi

2/09/2016 – Il Vallo di Diano non è un posto per giovani? Piccola panoramica sui 15 paesi


 

2 Commenti

  1. Raffaele Soriero says:

    ……certo che, se gli eventi citati…..la sagra della cipolla…..quella dei fiori di zucca…..miss sposo…..e quant’altro…..rappresentano le iniziative che dovrebbero incoraggiare i giovani a rimanere e a “spendersi” per la nostra comunità valdianese ….vorrà dire che domattina farò un biglietto di sola andata…a km illimitati….per mio figlio per farlo allontanare il più possibile! !!!
    Questa poteva essere una “terra promessa”…..è diventata una “terra senza speranza”!!!
    ….per responsabilità di tutti noi….e all’orizzonte non si prospetta nessun cambiamento!
    Una terra…senza legge….senza regole….senza idee (…e quando ci sono “quelle buone” si apre la caccia alle streghe!!), dove nessuno ambisce al cambiamento!
    Questa è una “terra per vecchi”!!!!!!
    Perché sono gli unici ….”saggi” (non tutti)
    Il mio è un grido di dolore!!!!

  2. bruno cimino says:

    se devo dire la mia da genitore con figli lontani per lavoro la dico:esiste nel vallo di diano nei giovani non la mentalita’ del sacrificio x lavorare ma la scorciatoia dell’aiutino clientelare ,cio favorisce il nulla,perche’ alla lunga cio’ che non e’ produttivo si ritorce contro l’utente ecco,se non ci si sgancia dai soliti schemi ,non vedremo culle piene nella nostra martoriata e depredata (di servizi)ma sempre bella valle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*