Negli oltre 50 giorni di guerra in territorio ucraino i media italiani non hanno mai smesso di condurre programmi di approfondimento, trasmettere immagini di edifici distrutti e gente in fuga, ma il punto di vista della popolazione russa è stato per lo più trascurato. “Vivo a Milano dove lavoro nel campo della moda. Lì mi ha raggiunto mia sorella prima della Fashion week, prima dello scoppio del conflitto – inizia a raccontare Elvira, una donna russa sposata con un uomo di Sanza -. Camminando per le vie della città mia sorella avvertiva il disprezzo delle persone quando scoprivano la nostra provenienza, ma non capivamo il motivo di questa ostilità”.

Nel frattempo, però, i voli da Milano per la Russia stavano subendo ritardi e cancellazioni, quelli diretti venivano soppressi. Una volta tornata a Mosca, la giovane sorella si è sentita rassicurata: “Elvira, ora mi sento tranquilla. Qui tutto procede come sempre”. Passano pochi giorni, il 24 febbraio la Russia invade l’Ucraina.

Nei giorni precedenti a quel tremendo risveglio circolava qualche voce su un incontro tra NATO e Putin – racconta Elvira -. Confrontandomi con i miei connazionali e con amici ucraini emergevano strani dettagli: una cliente proveniente dall’ovest dell’Ucraina mi diceva che alcuni documenti ufficiali venivano spostati da Kiev a Leopoli, che c’era uno strano movimento militare. Mancava una settimana a quel 24 febbraio”.

Nel clima internazionale dell’alta moda a Milano, con la preparazione delle sfilate che attirano, tra gli altri, i ricchi buyers russi e ucraini, lo sgomento per le notizie che trametteva la tv italiana si faceva spazio: “È pazzesco, non è reale – ricorda di aver pensato in quel momento Elvira -. Nella nostra mentalità russa non si sarebbe mai pensata una cosa del genere: storicamente la Russia è stata attaccata, si è difesa da Napoleone come da altri invasori. Non esiste nella nostra cultura che si inizi un combattimento: l’aiuto, lo scambio e la solidarietà fanno parte del nostro codice culturale, quindi nessuno capiva il perché di questa azione militare”.

Passato lo shock del momento, l’incredulità fa spazio alla ricerca e al confronto di informazioni. Elvira racconta di essersi informata, come gli altri amici ucraini e russi, da media internazionali, da Telegram e mai dalle tv locali perché “trasmettono quello che vogliono farti credere”.

I suoi genitori vivono a Mosca: lì la comunicazione è scarsa. “I miei si informano su internet, da Telegram soprattutto – confessa Elvira -. Seguono giornalisti, storici, politologi che approfondiscono le cause e le ragioni del conflitto. La comunicazione ufficiale del Cremlino è molto lenta: non si hanno notizie in tempo reale, seguite da continui aggiornamenti come accade in Italia; solo qualche lancio sporadico. L’Ucraina invece produce tante fake news. Ad esempio rispetto alla nave russa ferma nel Mar Nero ha diffuso molteplici immagini false”.

La vicinanza culturale tra i due popoli confinanti è confermata da Elvira: “Non si parla di guerra, ma di conflitto perché si tratta di un disaccordo tra la stessa gente, tra fratelli – afferma -. Oggi comprendo e capisco che Putin non aveva altra scelta”. Le ragioni che Elvira, come quasi la maggior parte dei russi riconosce, è che l’Ucraina, compreso il Donbass è “afflitto da barbarie interne perpetrate da un folto gruppo di nazisti – commenta -. La popolazione che lì risiede è felice che Putin sia intervenuto”.

Ti riporto la storia di un mio collega originario del Donbass – racconta Elvira -. Non torna lì dal 2013 a causa delle tensioni interne e manifesta dall’Italia contro Putin, seguendo l’onda pacifista. Ma la percezione della sua famiglia che vive lì è tutt’altra. I suoi genitori ringraziano la Russia di essere intervenuta e anzi ritengono che l’abbia fatto anche troppo tardi: i nazisti stanno uccidendo bambini”.

Sono sicura che questo conflitto sia iniziato per sconfiggere i nazisti, sebbene io ritenga che l’attacco di Putin sia una risposta all’America e all’Inghilterra che vogliono escludere la Russia dal mondo – prosegue Elvira -. I politici europei parlano continuamente di guerra, lo facevano ancor prima che si entrasse in conflitto, loro vogliono la guerra. Ormai chi vince vince. Si andrà avanti ancora per un po’ di tempo. Il mondo sta cambiando, Putin vuole equilibrare il potere delle nazioni nel mondo e lo fa ascoltando le esigenze del suo popolo, perciò la Russia deve vincere”.

Infine, Elvira ci lascia un commento sul Presidente dell’Ucraina Zelensky. “Lo consociamo bene, era un attore. Sta facendo nella realtà quello che ha recitato nei film – sostiene -. E’ un narcisista che non pensa affatto al suo popolo. I russi hanno attaccato soggetti militari, invece loro commettono crimini. Nel villaggio dove abita mia nonna, nel centro della Russia, sono arrivati cadaveri decapitati. Poi, gli ucraini ricchi sono andati via dal Paese prima ancora che Putin invadesse. Come mai?”

A concludere la chiacchierata con Elvira una riflessione sul rapporto tra lo Stato italiano e quello russo, sentendosi appartenente a entrambi per ragioni di lavoro e di vita privata. “All’Italia serve la Russia, ma ormai il rapporto è rovinato”.

Articoli correlati

Ucraina. L’emozionante racconto di Roberta Nolè, di Potenza, inviata a Leopoli per documentare la guerra

Ucraina. L’on. Adelizzi: “Vika e la madre sono arrivate a Salerno. L’incubo finalmente è finito”

Ucraina. Il racconto di Nina:”I miei nipotini fuggiti dalla guerra e accolti a Sala Consilina”

Ucraina, Lyudmyla di Buonabitacolo: “Mio figlio ha deciso di rimanere a Ternopil per aiutare gli altri”

Vincenzo, chef di Sant’Angelo Le Fratte in un bunker a Kiev: “Sono pronto a combattere per l’Ucraina”

Ucraina. Le testimonianze da Ternopil: “Costretti a vivere negli scantinati di un palazzo per non morire”

Ucraina, Maria sotto le bombe di Kharkiv. “Chiusi in casa per salvarci, fate sapere a tutti cosa stiamo vivendo”

Ucraina. La testimonianza di Lyudmyla da Buonabitacolo: “Preoccupata per mio figlio, spero ritorni sano e salvo”

Guerra Russia-Ucraina. Le testimonianze dal Golfo di Policastro di Iryna e Zoryana

Ucraina. La testimonianza di Olga:”Rientrata da Polla non immaginavo di trovare la guerra”

5 Commenti

  1. Vorrei che alla signora arrivasse anche io il mio più sentito disprezzo, scusandomi per non averla disprezzata fin dal primo momento come merita e come lei vorrebbe. Vorrei che il mio disprezzo arrivasse a lei, alla sorella, a Putin e a tutti i russi (e soprattutto non-russi) fedeli alla linea.
    Si potrebbe controbattere ogni singola frase di questo elenco di sciocchezze, ma non lo farò perché a quanto pare è inutile.
    Queste persone giustificano la guerra in Ucraina, io giustifico la guerra alla Russia.
    Che la 3° guerra mondiale (o 1° guerra globale) abbia inizio!

  2. Michele Iuzzolino says:

    Ogni tanto un po’ di verità…. inoltre Zelensky è un fascista e va trattato come tale!

  3. nicolina says:

    BHA, conflitto o guerra cara sig.ra è la stessa cosa, legga il dizionario e trovi il significato.
    ‘conflitto : Contesa rimessa alla sorte delle armi, guerra.
    Resto sconvolta da ciò che dice questa signora, putin non mira a liberare l’ucraina ma il suo intento è quello di avere il potere assoluto, di essere un monarca. Nessun ucraino parla di nazisti nel loro paese. come si fa ad essere d’accordo con questo essere spregevole??
    In ogni trasmissione televisiva i russi non fanno altro che negare, sviano le risposte che i nostri conduttori gli pongono.
    I soldati russi sono dei carnefici, bestie, come putin.
    Stanno e ammazzano donne, bambini, anziani. Cara sig.ra che tipo di liberazione da cosa?
    E a parer mio questa bestia non si fermerà solo all’ucraina.

  4. Gianfranco says:

    Anch’io sono di sanza, non conosco Elvira., ho letto ciò che pensa , ovviamente non sono d’accordo con lei, il perché è semplice….come si può accettare che nel 2022 l’uomo pensa di risolvere i problemi con attacchi militari., I miei occhi, vedono palazzi distrutti, scuole rase al suolo, strade distrutti, migliaia di morti, persone che perdono la vita senza un motivo, poi la morte di tanti bambini, anime innocenti., in Italia ci sono tanti ucraini e ci confermano ciò che i nostri occhi vedono., dal mio punto di vista tutto ciò a solo un nome…crimine di guerra., mi auguro con tutto il cuore che questo genocidio possa terminare al più presto…

  5. Questa ragazza è tornata rapidamente in Russia cibarsi delle informazioni di propaganda che fornisce il suo governo… L’aggressione della Russia non è stata solamente e verso un battaglione di cosiddetti nazisti ma verso il popolo civile, hanno bombardato palazzi, ospedali e strutture civili… Hanno ucciso donne, bambini e persone anziane… Adesso si stanno arrampicando sui muri per cercare di dimostrare il contrario… Non potranno mai farlo, perché la verità è sotto gli occhi di tutti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.