Tra le principali novità del decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2020 vi è sicuramente la misura volta ad aiutare i consumatori in grave crisi economica e che non riescono a ripagare le rate del mutuo.

Il provvedimento, stabilito dall’articolo 41-bis del DL 26 ottobre 2019 n. 124 (convertito in legge 19 dicembre 2019 n. 157), che ha carattere eccezionale e temporaneo, agevola coloro che hanno contratto un mutuo per l’acquisto della prima casa stabilendo lo stop al pignoramento dell’immobile, evitando così la vendita all’asta.

La misura, rivolta ai soli consumatori, cioè alle persone che agiscono per scopi estranei all’attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta, si applica agli immobili “prima casa”, da intendersi come quella che costituisce l’abitazione principale in cui il titolare del finanziamento abbia la residenza anagrafica.

Sono ammesse solo le procedure esecutive in corso, più precisamente, quelle che siano state avviate tra il 1° gennaio 2010 e il 30 giugno 2019. Unico creditore della procedura esecutiva deve essere una banca a cui il debitore deve aver rimborsato almeno il 10% dell’importo pattuito.

In presenza di tutti i requisiti, il debitore può presentare la domanda di rinegoziazione del mutuo entro il 31 dicembre 2021, per un importo complessivo, comprensivo delle spese della procedura e degli interessi maturati fino a quel momento, non superiore a 250.000 euro.

Se la banca accetta la rinegoziazione, il mutuo così rinegoziato potrà essere rimborsato fino a 30 anni e non oltre, purché la sua durata non superi il numero 80 (ad esempio: se hai 50 anni chiedi una dilazione di 30 anni; se invece hai 60 anni potrai avere una dilazione massima di 20 anni).

Se la banca rifiuta, la legge prevede la possibilità al debitore di ricorrere all’aiuto di un parente o affine entro il 3° grado che potrà ottenere la rinegoziazione diventando titolare del mutuo e proprietario dell’immobile ipotecato, mentre il debitore originario mantiene il diritto di continuare ad abitare la casa per i primi cinque anni.

Trascorsi questi cinque anni, se il debitore originario riesce a rimborsare il parente che gli ha concesso la rinegoziazione, allora potrà tornare in possesso dell’immobile, ricominciando a versare alla banca le rate del debito residuo, fino alla scadenza e purché la banca sia d’accordo.

Nel momento in cui il debitore e il creditore presentano la domanda di rinegoziazione del mutuo al giudice, questo dispone la sospensione della procedura d’asta per un massimo di sei mesi.

È possibile, inoltre, chiedere un nuovo mutuo (surroga), a un’altra banca diversa da quella che ha pignorato la casa.

In fase di rinegoziazione o di surroga, il debitore originario può ricorrere al Fondo di garanzia per la prima casa, dotato di 5 milioni di euro per l’anno 2019, e ottenere così dallo Stato fino al 50% dell’importo oggetto di negoziazione.

L’intera agevolazione decade se l’immobile pignorato cessa di essere casa residenziale o “prima casa”, che, nella cultura del nostro Paese, continua ad essere il bene prediletto.

– Ilaria Casale –  Area Crediti Banca Monte Pruno

5 Commenti

  1. Buongiorno! Volevo chiedere …ma la prima casa non è uguale per tutti ? Cioè anche per quelli che avevano un negozio o una piccola attività e che sono stati costretti a chiudere ? A costoro mi pare di capire che non è ammesso rifinanziare il mutuo ….per favore mi risponda ..io mi trovo in una situazione di questo tipo ..3383801013

  2. Francesca says:

    Vale anche in caso di fallimento

  3. elisena terradura says:

    io non riesco a fare la surroga , e da marzo 2019 c’e sempre un intoppo e non capisco perche’ se mi potete contattare ve ne sarei grata

  4. ROBERTO CASAROTTI says:

    Salve purtroppo anch’io ho il problema mutuo ma non sono stato seguito in maniera corretta il mio cell. 337 1167517

  5. Salve signora Ilaria ho letto il vostro articolo, io purtroppo mi trovo in una situazione simile a quella da lei descritta nell articolo se mi può o dare ulteriori informazioni come eventualmente procedere grazie Antonio Oricchio se mi può contattare con urgenza al 3294915134

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*