Continua a far discutere l’episodio di violenza accaduto ieri all’Istituto “Pomponio Leto” di Teggiano.

Un professore ha infatti mollato uno schiaffo ad un alunno e lo ha poi strattonato. Il tutto è stato ripreso dai compagni del minorenne: il video in breve è diventato virale.

L’accaduto, in queste ore, continua a far discutere l’opinione pubblica ed è approdato anche nel programma “La Vita in Diretta” su Raiuno.

Il talk di intrattenimento pomeridiano, condotto da Alberto Matano, ha mandato in onda il video durante l’approfondimento legato all’emergenza Covid.

Noi venivamo puniti tutti i giorni a scuola – ha affermato Giancarlo Magalli ma, al giorno d’oggi, non è più giustificabile”.

L’accaduto, che ha destato scalpore, continua a far discutere anche a livello nazionale.

– Claudia Monaco –


  • Articolo correlato:

7/10/2020 – Teggiano: docente del “Leto” dà uno schiaffo ad un alunno. I compagni lo riprendono in un video

 

 

4 Commenti

  1. Giuseppe Mea says:

    Io sono andato a scuola quando anche il bidello era un’ autorità incontestabile.

  2. Si da una parte hai ragione che il telefonino dovra’ essere spento, ma se non c’era il filmato non ci credeva nessuno, ne la preside e ne i genitori. Comunque le mani addosso non si possono mettere se ha capito…….

  3. Mazze e panelle fann I figli bell..
    Panelle senza mazze,fanno i figli pazz..
    E I NOSTRI VECCHI… difficilmente sbagliava o!

  4. Con 700 nuovi casi registrati oggi è intollerabile che un ragazzo si permetta di non indossare la mascherina o indossarla in modo scorretto mettendo a repentaglio la salute degli altri e la sua. Come esistono le regole per il docente così esistono per gli alunni. E’ una questione di civiltà, di responsabilità, di educazione al rispetto di tali regole. Neanche chi ha fatto il filmato sa che esistono. Il cellulare deve essere spento in classe. Non può essere permesso tutto a questi ragazzi. Gli si fa un danno enorme che difficilmente si potrà correggere in futuro.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*