A poche ore dalla Giornata Nazionale per le Vittime dell’Immigrazione è andata in onda questa mattina su Raitre la puntata di “Radici – L’altra faccia dell’immigrazione” girata ad inizio settembre a Padula e che racconta la storia del giovane ghanese Zachariah, partito da Kumasi cinque anni fa, costretto dai bombardamenti ad imbarcarsi a Tripoli, sbarcato a Lampedusa e accolto dalla Caritas diocesana a Padula, dove attualmente vive perfettamente integrato nella comunità e tra i suoi coetanei.

Le telecamere della Rai e il giornalista Davide Demichelis hanno compiuto, in compagnia di Zachariah, un viaggio a ritroso nella vita del giovane immigrato, tornando nella terra natìa, il Ghana, e rivivendo le emozioni e le paure di chi è costretto ad abbandonare la propria casa per cercare rifugio in un Paese che, inizialmente straniero, diventa poi accogliente e rassicurante nel tempo. Proprio come è stata Padula per Zachariah, che milita anche nella squadra di calcio “ASD Certosa di Padula”, protagonista di alcune delle immagini insieme al Vescovo della Diocesi di Teggiano-Policastro S.E. Mons. Antonio De Luca e a don Vincenzo Federico, sensibili e sempre pronti all’accoglienza dei fratelli africani in cerca di sostegno.

Dalla iniziale titubanza di qualche italiano nei confronti dello “straniero” ad un profondo legame, fatto di stima e rispetto. “Oggi mi conoscono quasi tutti i giovani. In Italia ho trovato la persona che volevo diventare” dice soddisfatto il giovane a Demichelis.

Emozionanti le immagini del primo ritorno in Ghana di Zachariah dopo cinque anni. Non ha mai conosciuto la madre, ma immenso è stato il calore con cui i familiari e gli amici rimasti lì lo hanno accolto.

Dello sbarco in Italia Zachariah ricorda le luci. “Mi sono messo sulla barca – racconta – ringraziavo Dio. Finalmente sono arrivato in Italia”. Ma non dimentica mai la terra che gli ha dato i natali, dove vuole ritornare, e ai microfoni di Demichelis dice:”A Padula mi trovo bene, ho gli amici, mi vogliono bene, ma non posso negare un posto come questo: perché io sono nato qui“.

– Chiara Di Miele –


 


  • Articolo correlato:

6/9/2016 – Padula: squadra di calcio esempio di integrazione, arrivano le telecamere Rai 

Un commento

  1. Cart e tre says:

    Cash…..!!!!??????
    Business????
    Quanti soldi e costato alla comunità tramite CARI…cash????
    VERGOGNATEVI
    TRADITORI!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.