Curiosità storiche valdianesi. Il senatore Antonio Innamorato: tra politica e cultura



































In un ideale Pantheon degli uomini illustri del Vallo di Diano, il compianto senatore Prof. Antonio Innamorato di Teggiano certamente occuperebbe un posto di rilievo, non solo per essere stato Sindaco di Teggiano, Presidente della Provincia di Salerno, Sottosegretario di Stato per la Pubblica Istruzione, ma anche per la sua costante azione rivolta al miglioramento delle condizioni economiche e culturali della società. Egli fu essenzialmente un uomo delle istituzioni, paragonabile ai socialisti del primo Novecento, e quindi un educatore, un maestro sempre a servizio della comunità.

Per queste sue innate attitudini, il senatore Innamorato è stato uno degli uomini più rappresentativi della cosiddetta prima Repubblica, quando i politici si formavano nelle sezioni del partito e gradatamente per loro merito ricoprivano poi ruoli di grande responsabilità. Egli, per la sua formazione umana e culturale, si iscrisse al Partito Socialista che in quei tempi aveva nel Vallo di Diano un vero e proprio laboratorio politico gestito brillantemente dall’onorevole Enrico Quaranta, a cui Innamorato si legò strettamente. Nel 1987, in virtù della sua travolgente azione politica fu eletto senatore della Repubblica, il che gli permise di iniziare un programma di potenzialità e di valorizzazione delle bellezze naturalistiche ed archeologiche del suo territorio, al punto che egli fu poi il primo firmatario della legge che istituiva il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Ma, continuando su questo campo, egli estese il suo programma ad un’area più lontana, divenendo il primo firmatario anche della legge che istituiva la Soprintendenza Archeologica di Paestum.

Non da meno fu il suo percorso nel campo della scuola, poiché pervenne alla carica di dirigente scolastico negli istituti d’istruzione superiore, carica che esercitò con competenza, ma anche con la solita bonarietà, proprio a Teggiano. Di qui lo stretto contatto, quasi giornaliero, che io avevo con lui che era da sempre il mio amico fraterno ed era al corrente dei miei studi sulla storia di Teggiano. E arrivò il momento in cui, da senatore e da Sindaco di Teggiano, Innamorato dispose un contributo per la stampa del mio libro “Regesti delle pergamene di Teggiano” (1197-1499), pubblicato nel 1988 nella collana “Fonti per la storia del Mezzogiorno medievale”, Edizioni Studi Storici Meridionali, libro che poi nel 2009 fu scelto da un consorzio di università europee a rappresentare l’Italia nella pubblicazione online di documenti medievali sul portale “Monasterium.net”, dove tuttora si trova.







Va osservato che, nonostante la sua luminosa carriera in campo politico ed amministrativo, Innamorato fu un uomo semplice, cordiale ed affabile con tutti, anche coi suoi avversari politici. Sempre sereno e sorridente nelle conversazioni in piazza tra amici, negli interventi a conferenze e convegni e perfino nei comizi elettorali. I suoi giudizi e commenti sugli avvenimenti politici erano sempre acuti e precisi, derivanti dalla lettura attenta, quotidiana, di giornali di vario orientamento politico.

A circa un anno dalla sua scomparsa sono in corso numerosi riconoscimenti e celebrazioni che gli dedica la sua città natale. Tra l’altro, l’intitolazione al senatore dell’Aula Consiliare e dell’Aula Magna dell’Istituto “Pomponio Leto”. Nel convegno a lui dedicato, svoltosi il 27 luglio nella monumentale sala del chiostro della SS. Pietà di Teggiano, sono intervenuti tutti i maggiori rappresentanti politici del Vallo di Diano ai tempi della prima Repubblica, capeggiati dall’onorevole Carmelo Conte e dal senatore Michele Pinto. E’ stato affermato, tra l’altro, che Innamorato ha sempre rappresentato un punto di riferimento della comunità dei cittadini.

In conclusione, il compianto senatore Antonio Innamorato, è stato uno dei personaggi più illustri della storia di Teggiano. La sua azione incisiva in seno alla società costituisce un prezioso retaggio culturale da tramandare alle future generazioni.

– Arturo Didier –

FONTE: “Wikipedia”, alla voce “Antonio Mario Innamorato”


  • Leggi anche

6/6/2019 – Teggiano: intitolata al senatore Antonio Innamorato l’Aula Magna del “Pomponio Leto”

27/7/2019 – Teggiano:emozioni e momenti di riflessione all’intitolazione dell’Aula Consiliare al Senatore Innamorato



































Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*