Gaetano Spano, assessore alla Comunità Montana Vallo di Diano, ha partecipato ad un’audizione presso il Consiglio regionale della Campania – III Commissione Consiliare Speciale “Aree Interne”, con all’ordine del giorno il progetto di delocalizzazione delle Fonderie Pisano presso un’area sita nel Comune di Buccino.

Tenutasi in videoconferenza, la riunione ha visto un’ampia partecipazione territoriale essendo coinvolte anche la Comunità Montana Tanagro-Alto e Medio Sele, la Provincia di Salerno e l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno.

In rappresentanza di un territorio che ha ripetutamente respinto le avances dell’industria pesante e petrolifera in passato, Spano, su indicazione del Presidente Francesco Cavallone, ha ribadito la contrarietà del Vallo di Diano. “Sono state già fatte delibere in merito e l’argomento è stato trattato anche in Conferenza dei Sindaci – ha dichiarato -. Il messaggio è opposizione all’insediamento e solidarietà nei confronti della comunità di Buccino”.

Spano ha poi ribadito il pensiero condiviso dalla Giunta della Comunità Montana valdianese e dai sindaci del comprensorio:“È necessario ora come in passato respingere qualsiasi tentativo di simili insediamenti anche perché, mi preme sottolineare, la vocazione del nostro territorio è basata sull’agricoltura e sulla salvaguardia ambientale e non di certo sull’industria pesante”.

Il contesto dello sviluppo locale va in direzione diametralmente opposta:“La decisione si inquadra nelle linee guida tratteggiate dalla SNAI, ossia Strategia Nazionale delle Aree Interne, che tra le proprie assi di sviluppo esclude categoricamente questa tipologia”. Strategia che vede nel Vallo di Diano una delle aree pilota nazionali con una dotazione finanziaria complessiva che rasenta i 20 milioni di euro.

– Chiara Di Miele –

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano