“Le cure chemioterapiche per infusione rivolte ai malati oncologici sono senz’altro un passo avanti ma bisogna ancora migliorare“.

A riferirlo è il dottore Luigi Mandia, direttore sanitario dell’ospedale “Luigi Curto” di Polla, in seguito all’attivazione delle terapie onco-ematologiche per infusione presso l’ambulatorio di Ematologia e condotte dalla dottoressa Elisa Focarile. Al momento, un paziente è già sottoposto al trattamento presso il nosocomio di Polla.

Una notizia che rincuora, seppur in parte, i cittadini del Vallo di Diano e con un plauso da parte della Cisl Salerno che ha parlato di “stop ai cosiddetti viaggi della speranza nell’Agro nocerino e lontano dalla Campania con la realizzazione di una buona sanità”.

Cauto su questo aspetto, invece, il direttore Mandia che ha sottolineato come il neo servizio sia solo l’inizio di un lungo lavoro da portare avanti.

“E’ stato fatto senz’altro un passo avanti – ha dichiarato Mandia – a parlare di stop ai viaggi della speranza mi sembra ancora un po’ prematuro. Non è cosa di poco conto il servizio ma lavoriamo per migliorare e raggiungere questo scopo. So che il piano aziendale prevede anche un servizio di oncologia al momento assente ed è gratificante sapere che la nostra Ematologia riesce al momento a garantire questo importante servizio”.

– Claudia Monaco –


  • Articolo correlato:

24/11/2017 – Ospedale Polla, stop ai viaggi della speranza. Al via trattamento chemioterapico per infusione

 

Un commento

  1. Infatti:
    Andiamoci piano a creare aspettative

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*