“Ero andato all‘appuntamento con Pascuzzo con il coltello perchè volevo 50 grammi di erba senza pagare”.

E’ questa la drammatica quanto inquietante frase riferita da Karol Lapenta, il 18enne reo confesso dell’omicidio di Antonio Alexander Pascuzzo, durante l’interrogatorio tenuto dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Lagonegro Vincenzo Saladino.

Una furia cieca quella del giovane apprendista macellaio, dettata dal bisogno di impossessarsi di un modesto quantitativo di marijuana.

“Pascuzzo mi aveva detto che il prezzo di quell’erba era 500 euro, ma io non avevo quella somma con me”.

Non un litigio, non un dissidio: Pascuzzo, secondo la ricostruzione resa in fase di confessione da Lapenta, avrebbe appoggiato il sacchetto vicino ad una tavola che chiude il capannone dismesso nei pressi della piscina per nasconderlo.

“Per paura di essere scoperto con l’erba addosso, così sarei passato in un secondo momento a prenderlo” la giustificazione di Lapenta.

Ma il giovane ha già un disegno criminoso: dopo che ha posato la marijuana, Pascuzzo viene colpito con una coltellata al costato sinistro. Un colpo a sorpresa, tanto che l’ultima frase pronunciata dal giovane italo peruviano prima di morire è “Lasciami, per favore”. Lapenta lo colpisce alle spalle e, infine, con un calcio in viso. A conclusione lo trascina nel torrente Peglio, dove è stato rinvenuto lo scorso 14 aprile. Il coltello è stato poi lasciato su un muretto in via Paolo Borsellino a Buonabitacolo.

Una tragedia, come conferma il giovane reo confesso, per la droga: i 50 grammi di marijuana sono stati sottratti e fumati dallo stesso Lapenta che, dopo il gesto, come ha raccontato in fase di confessione, si è recato al Centro Cupola di Buonabitacolo con altri ragazzi dove si è intrattenuto a chiacchierare. Di ritorno, il giovane ha preso il coltello da macellaio e lo ha ripulito e riposto nel suo zainetto.

Mi sono reso conto della gravità di quello che ho fatto ma non ho parlato a nessuno di questo fatto” ha aggiunto in confessione Lapenta.

Il giovane si trova attualmente detenuto presso la Casa Circondariale di Potenza: il Gip, che non ha convalidato il fermo, ha disposto la custodia cautelare in carcere, accogliendo le richieste del Pubblico Ministero per i gravi indizi di colpevolezza.

Nei giorni scorsi la Procura della Repubblica di Lagonegro ha conferito l’incarico per una perizia psichiatrica al dottore Camillo De Lucia.

Entrambe le difese della famiglia Pascuzzo e Lapenta hanno nominato un consulente tecnico di parte.

– Claudia Monaco –


  • Articoli correlati:

20/04/2018 – Omicidio Pascuzzo. La Procura conferirà l’incarico per una perizia psichiatrica su Karol Lapenta

17/04/2018 – Omicidio Pascuzzo. Karol in confessione:”Antonio non era mio amico, né mio nemico. Era il mio pusher”

2 Commenti

  1. Poi sinceramente…..oramai la perizia psichiatrica… Con tutto il rispetto.. Vogliamo dire che è una pratica usata da tanti difensori che ABUSATO di questa chance???? 33

  2. Sinceramente…. Considera il fatto che il soggetto è conscio di quello che ha commesso… Visto anche il motivo futile….Sarebbe ora di dare un segnale è condannare il soggetto al carcere a VITA……,???
    Cazzo…..!!!!!!! ha ammazzato un ragazzino per 50 grammi di fottutamente marijuana……!!!!!
    MA CHE mondo di merda stiamo lasciando ai nostri figli???!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano