autobus fermata
Immagine di repertorio

Prima in piedi, ora a piedi. Ha subito un’involuzione la situazione del trasporto in autobus degli studenti universitari del Vallo di Diano che frequentano l’ateneo di Fisciano.

Questa mattina infatti decine di studenti sono rimasti appiedati perché l’autobus che avrebbe dovuto farli arrivare a Fisciano alle 8.30 non è mai passato.

Ad essere colpiti dal disagio sono stati gli universitari che vivono nei comuni del versante est del Vallo di Diano, ossia quelli che si trovano lungo la fascia che va da Casalbuono a Polla e che comprende i comuni di Montesano sulla Marcellana, Padula, Sala Consilina ed Atena Lucana.










Sul sito dell’azienda che gestisce il servizio di trasporto non c’era nessun avviso – ha spiegato uno degli studenti rimasti a piedi – e infatti stamattina c’erano molti ragazzi in attesa alle fermate. Eravamo convinti che il bus fosse in ritardo e solo dopo circa mezz’ora abbiamo scoperto che la corsa era stata soppressa senza alcun motivo”.

Tra gli studenti appiedati alcuni dovevano sostenere anche degli esami e sono stati costretti a raggiungere l’università con mezzi propri, altri invece hanno raggiunto Salerno dove poi hanno preso un altro bus diretto a Fisciano.

– Erminio Cioffi –

 

3 Commenti

  1. antonio mea says:

    Siete tutti maggiorenni, prendete la tessera elettorale e ognuno di voi la restituisce al propio comune, poi se sentite parlare di alta velocità, e bazzecole del genere fate conto che vi state vedendo un cartone animato con paperino e topolino e ridete, non c’è altro da fare.

  2. MARIO SENATORE says:

    pOCO PROFESSIONALE? RIDICOLO? Io direi IRRIGUARDOSO della dignità degli utenti (giovani ed anziani) ed addirittura IRRESPONSABILE. Sono, questi, comportamenti che non costruiscono ma frantumano la fiducia nelle figure e nei ruoli che dovrebbero, invece, contribuire a formare una società civile ed evoluta.
    …Eppure questa gente costa alla collettività…
    Se qualcuno ha sbagliato, non va certamente “fucilato” ma un’adeguata sanzione dovrebbe pagarla… (o no?).

  3. Purtroppo la voce si era già diffusa venerdì mattina, e chiedendo ad autisti e poi alla ditta stessa ho avuto conferma. Ma è comunque assurdo che le cose si dicano per “passa parola senza uno straccio di avviso, ma che soprattutto per fare “ponte” si danneggi l’utenza in un giorno feriale e di regolare apertura dell’Ateneo. Io stessa sono dovuta rimanere a casa nonostante avessi lezione oggi. Ridicolo e poco professionale.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*