Tragedia Rigopiano. Lacrime e dolore per l’ultimo saluto a Stefano Feniello Il papà Alessio: "Voglio un incontro con il Prefetto, il sindaco e il Presidente della Regione"























Una chiesa gremita di parenti e amici provenienti dal Salernitano e dall’Abruzzo ha salutato oggi pomeriggio il feretro di Stefano Feniello, il 28enne originario di Valva, deceduto sotto le macerie dell’Hotel Rigopiano di Farindola, in Abruzzo.

Commozione, nella chiesa dell’Assunta a Silvi Marina, tra gli amici di Stefano che hanno portato a spalla la bara fino alla chiesa.

Hanno ucciso mio figlio – ha affermato in lacrime papà AlessioCon Stefano sono morto anche io. Chiedo un incontro con il Prefetto di Pescara, il sindaco di Farindola e il Presidente della Regione, voglio parlare con loro, voglio guardarli in faccia”. 







Papà Alessio è distrutto dal dolore e stringe tra le mani la collana che suo figlio indossava al momento della tragedia.
Accanto al feretro, ci sono anche mamma Maria, il fratello Andrea e la fidanzata di Stefano, Francesca Bronzi, quest’ultima sopravvissuta alla slavina.

L’amore di Stefano continuerà a vivere con noi, ha ricordato il parroco durante l’omelia.

In lacrime anche gli amici, i parenti e il sindaco di Valva Vito Falcone, giunti stamane per l’addio a Stefano, figlio di una terra che tanto amava. Lutto cittadino oggi, nelle città di Valva, Silvi Marina e Sant’Angelo.

Stefano e Francesca erano giunti insieme all’hotel Rigopiano per festeggiare il compleanno di Stefano e il quinto anniversario di fidanzamento. Il prossimo anno, i due fidanzati si sarebbero dovuti sposare, un sogno che però è stato interrotto da una slavina.

Intanto sulla tragedia dell’hotel Rigopiano che ha provocato 29 morti e 11 sopravvissuti, indaga la Procura, che ha aperto un fascicolo d’inchiesta per i reati di disastro colposo e omicidio plurimo.

– Mariateresa Conte –

[metaslider id=129723]

































Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*