Il Comune di Teggiano ha il suo marchio DE.CO.. A realizzarlo è stata Anna Morena, grafica di Teggiano. Il suo lavoro è stato scelto tra i 14 presentati nell’ambito del concorso di idee indetto dall’amministrazione comunale.

La cerimonia di premiazione si è tenuta presso il Castello Macchiaroli. Sono intervenuti, tra gli altri, il vice sindaco Marianna Morello, il presidente della commissione giudicatrice, Giuseppe Nese, Maurizio Felicino, componente della stessa commissione ed il consigliere comunale Vitantonio Cobucci.

Teggiano ha trovato, così, il suo marchio di “Denominazione Comunale di Origine” per tutelare e valorizzare le tipicità agro-alimentari e non solo del territorio.

Abbiamo scelto questo lavoro – sottolinea la commissione – perché ci ha davvero impressionato. A primo impatto forse non riconduce a Teggiano ma cercavamo qualcosa che potesse andare oltre il territorio e questo marchio è davvero di alto spessore”.

Facendo riferimento agli elementi architettonici relative alle arcate presenti in molte strutture di Teggiano – spiega Anna Morena – ho creato un intreccio, dando vita ad un fiore. Ho unito l’elemento architettonico con il fiore verde che si va ad intrecciare con 5 archi che rappresentano le frazioni del paese”.

La commissione giudicatrice era composta, inoltre, da Enrico Coiro, Paolo Giuseppe Gallo Gianvito De Luca.

 L’iniziativa, sostenuta dalla Banca Monte Pruno, è inserita nel calendario degli appuntamenti della rassegna “Intorno al Presepe…Itinerario tra Luci e Storia” ed è stata organizzata dall’amministrazione comunale in partnership con la Banca.

– Cono D’Elia –


2 Commenti

  1. pasqualino says:

    Il simbolo poteva essere piu’ perfetto se i cerchi erano uniformi, da notare qualche cerchio di colore nero che a volte sovrasta quello di colore piu’ chiaro.
    Era solamente un piccolo consiglio. Grazie

  2. Francesco Giardullo says:

    Posto che il marchio e’ bello….ma un marchio non deve impressionare solo per l’estetica. L’efficacia stessa di un brand sta proprio nel riuscire, in quelle poche ma essenziali linee…curve…simboli e colori a trasmettere ciò per cui il marchio stesso e’ stato creato. Ed in un impatto,lo stesso deve essere comprensibile da tutti….e dico tutti. E dire che forse a primo impatto non riconduce a Teggiano….e a cosa allora??????? Ribadisco che il logo e’ bello….forse un po troppo raffinato. La giuria ha deciso. Francesco Giardullo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano