Grande successo ieri, presso il Teatro comunale “Mario Scarpetta” di Sala Consilina, per il settimo appuntamento con la XXIV edizione della rassegna teatrale nazionale “Teatro in Sala”.

Ospite della serata il regista e fotografo di Sala Consilina Pasquale Di Maria. Attualmente lavora come assistente alla regia sul set della serie televisiva “I Bastardi di Pizzofalcone” e insegna alla Scuola di Cinema di Napoli. Nel suo intervento ha parlato di come è nato il progetto di promozione turistica “Vallo a conoscere”, della sua passione per la fotografia, del cortometraggio che abbraccia cinema e attualità “Un amore mai visto” realizzato con i bambini e classificatosi secondo al concorso “Arte che cura”.

Nel nostro territorio ci sono delle potenzialità importanti che vanno colte e vanno assecondate – dichiara – Penso che c’è un fermento molto bello e ci sono tante associazioni, tante realtà lavorative e produttive e molte location che potrebbero essere proposte per le produzioni. Ci sono varie cose da poter fare e secondo me il fermento è proprio questo e va sostenuto ed alimentato”.

Come è noto, Pasquale è il fratello dell’attore Andrea Di Maria e parlando del loro rapporto sottolinea che sono “talmente legati che avrei stimato mio fratello anche se non lo fosse stato. Già lavoriamo insieme ed è tutto molto naturale”.

A calcare il palcoscenico è stata la Compagnia “La Fenice” di Atena Lucana che ha messo in scena lo spettacolo, fuori concorso, “Aggia ji a dda’ parola” con regia di Biagio Carlomagno.

La brillante commedia, in tre atti, racconta come la dolce, premurosa e soprattutto fedele Titina Sanguetti scopre i tradimenti del marito, un medico molto noto e famoso. La donna cerca di vendicarsi e decide di concedersi al primo uomo che le capita. Poco prima con la sua amica Marietta Castagna, moglie del’assistente del marito, parla dell’avvocato Callucci e Titina decide di chiamarlo con una scusa e farlo andare a casa. L’avvocato lo stesso giorno deve finalmente andare a “dare parola” ma è molto sensibile al pianto delle donne. Di qui si svolgono una serie di scene divertentissime e paradossali che hanno per protagonisti i coniugi Sanguetti, l’avvocato, l’assistente del medico e la moglie di quest’ultimo che da anni ha un amante.

– Annamaria Lotierzo –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*