Già dai primi anni successivi al 1892, anno dell’inaugurazione del tratto ferroviario Casalbuono-Lagonegro, si assiste da un lato all’esistenza parallela di proposte per ampliare e migliorare la Sicignano-Lagonegro e dall’altro minacce di riduzione dei servizi o soppressione del tronco stesso.

Infatti, alle proposte fiduciose di sviluppo della linea da parte delle Istituzioni locali e alle delibere comunali a ciò dirette, si affiancheranno costantemente le allarmanti notizie di ridimensionamento.

Già dai primi anni del 1900 si delinea la possibilità di cessione a privati dell’esercizio della linea, cessione che nei fatti non si verificherà ma non scongiurerà il pericolo chiusura. L’unico periodo che rappresenta un’eccezione a tale tendenza è il periodo compreso tra il Dopoguerra e il boom economico, in quanto caratterizzato da proposte di ricostruzione e ampliamento inserite a pieno titolo in un’ottica nazionale di sviluppo e riorganizzazione delle strutture. Ma negli Anni ’60 il pericolo della possibile soppressione del tronco diviene concreto nonostante le proteste del personale ferroviario e dei Comuni, i quali puntavano sulla ferrovia per dare impulso allo sviluppo industriale e sociale.

Il triste epilogo della vicenda si verifica nel 1987, quando i lavori di elettrificazione impongono la chiusura della linea Sicignano-Lagonegro, che sarebbe dovuta ritornare pienamente operativa dopo il 1990 secondo una comunicazione del Ministro dei Trasporti, circostanza che non si verificò mai. 

Vani sono stati nel tempo i tentativi di carattere formale e sostanziale approntati dalle Istituzioni, come le delibere comunali contro la soppressione del tronco prima e della richiesta di riapertura della linea poi, l’ultima delle quali è stata approvata dalla Giunta comunale di Sala Consilina proprio nel mese di aprile 2017, in favore della riattivazione della tratta valdianese. Il tronco ferroviario Sicignano-Lagonegro è tutt’oggi inattivo e abbandonato.

Da qualche anno un gruppo di cittadini valdianesi ha costituito il Comitato per la riattivazione della Ferrovia Sicignano-Lagonegro intraprendendo una serie di iniziative e battaglie a favore della riapertura dell’importante tratto ferroviario.

– Maria De Paola –


  • Articoli correlati

22/04/2017 – Storia della ferrovia nel Vallo di Diano. Il cambiamento, il lavoro, l’entusiasmo, la nostalgia

15/04/2017 – Storia della ferrovia nel Vallo di Diano. L’organizzazione, gli orari, i biglietti ed i servizi

8/04/2017 – Storia della ferrovia nel Vallo di Diano. La costruzione e l’inaugurazione

6/04/2017 – Aprile 1887/aprile 2017, l’anniversario mai compiuto della tratta ferroviaria Sala-Sassano

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*