banca parco sagreL’intervento del presidente del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni Tommaso Pellegrino ha suscitato l’apprezzamento della Banca Monte Pruno e del suo direttore generale Michele Albanese.

Il tutto nasce dalla decisione del presidente Pellegrino di mettere un freno al rilascio di contributi economici concessi dall’Ente per sagre gastronomiche che si tengono sul territorio.

“Sottoscriviamo in toto – ha evidenziato il direttore generale della Banca Monte Pruno Michele Albanese – le parole del Presidente del Parco Tommaso Pellegrino, in quanto, anche noi, da diversi anni, stiamo cercando di promuovere questa linea operativa relativa alla concessione di contributi per le sagre. Oltre ad aver completamente abbattuto, già da tempo, tante erogazioni della specie siamo soddisfatti di poter condividere questa visione. Non è il caso di entrare nei contenuti di tante sagre che affollano il nostro territorio, ma è chiaro come le stesse vadano ad intaccare l’azione di operatori che lavorano nel settore e si trovano, principalmente in estate, a subire questa concorrenza fin troppo anomala e scorretta.”

“È notoria – continua Albanese –  la nostra grande vicinanza alle attività promosse sul territorio, ma non dobbiamo dimenticare che tanti ristoratori vengono danneggiati dalle sagre che, nella maggioranza dei casi, non rispettano nemmeno i tanti vincoli connessi al settore. Ben vengano le parole di Tommaso Pellegrino perché vanno ad individuare anche una strategia di indirizzo verso momenti che devono diventare, invece, di valorizzazione alimentare, come può essere il caso della Rete del Gusto della dieta mediterranea. Eventi, quindi, con un profilo ben differente, che possano far conoscere il territorio e le sue eccellenze alimentari, evitando, di conseguenza, il supporto di Enti importanti, per il tramite di contributi a pioggia o sponsorizzazioni, a favore di soggetti che svolgono un’attività commerciale.”

“È il caso, quindi – conclude il direttore della Monte Pruno – di dare massima disponibilità al Parco ed al suo Presidente per intraprendere una strada comune in tale ambito, per promuovere la buona alimentazione nel territorio di competenza del nostro istituto di credito, magari anche con eventi dedicati, coinvolgendo i ristoratori. Il Presidente Pellegrino merita grande fiducia da parte di tutti perché, fin da subito, nel suo nuovo ruolo, ha trasmesso apertura attraverso verso un metodo più moderno ed innovativo di approcciarsi alla gestione di un Ente come il Parco. Sono convinto che riuscirà ad essere un valore aggiunto per tutti, trasformando, finalmente, il Parco in una grande opportunità. Ne abbiamo veramente bisogno e Tommaso Pellegrino è sicuramente l’uomo giusto per invertire la rotta”.

– redazione –


  • Articolo correlato

24/06/2016 – Parco Nazionale. Pellegrino: “Niente più contributi alle sagre gastronomiche”

Un commento

  1. Bravo presidente Tommaso….e ora che finiscono alcune pagliacciate nel vallo, proteggono le categorie che sanno valutare i nostri prodotti, e poi……l’ambiente….non sappiamo neanche cosa sia. Mi auguro che lei stoppa queste vecchie ed ipocrite apparenze. Saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*