Lettera aperta alla redazione di Franco Iorio

Diciotto anni nel corso di questo 2018: è la generazione “Z”. Sono i nati nel 2000, già distanti e diversi dai “Millennials”. Che è la generazione “Y”: i nati dal 1980 al 1999.

I primi sono indipendenti al limite dell’autosufficienza, attivi e disinvolti, curiosi, personalisti ed egocentrici. Possiedono capacità di valutazione rapida e prestano attenzione ai problemi globali, usano con facilità assoluta tablet o iPod, smartphone, notebook , desktop. Il che li porta a preferire immagini e video, così si abituano a comunicare le proprie emozioni rispetto a un testo di lettura. Eppure hanno bisogno di stabilità, di sicurezza, malgrado si sentano autodidatti, formatori essi stessi della loro vita personale e della loro crescita. Hanno fama di conoscenza e di relazioni sociali.

Invece i secondi, i ragazzi della generazione “Y”, si presentano diversi, hanno una mentalità più aperta ma sono più pigri, un pò mammoni. Sono ricettivi, piuttosto impazienti e abituati ad ottenere ciò che vogliono con un solo click, appassionati di facebook. Curano attenzione alla propria immagine e sono smaniosi di successo, con la gente si relazionano con diffidenza perché non fanno affidamento su altri.

Le due generazioni sono accomunate da un senso di solitudine, simile a quella che grava purtroppo sulla società di oggi, probabilmente perché abituati a comunicare a distanza, innanzi allo smartphone si è soli malgrado il contatto con gli amici. Sono generazioni disincantate, sembra che niente li meravigli o li stupisca,  direi che vivono prive di passioni. E, quindi, sono portate a trascurare la tensione politica, verso cui hanno quasi un sentimento di ripulsa, di rifiuto. La politica interessa quasi nessuno delle due generazioni se è vero che appena il 14% dei giovani la considera importante. Ma allora la domanda: quanti sono andati alle urne il 4 marzo scorso a votare? I sondaggi davano i giovani distratti e lontani dal voto e invece ai seggi elettorali sono andati 2.626.181 su 3.733.497 iscritti nelle liste elettorali. Quindi ha votato il 70,35% degli aventi diritto.

I 18enni che votavano per la prima volta erano 584.530 (curiosità: 300.358 uomini e 284.152 donne). Sono state le ultime ore di campagna elettorale evidentemente a convincere le due generazioni, offrendo un dato sorprendente in termini percentuali. Difficile dire se si è trattato di un voto convinto o è stato scelto il meno peggio o se la scheda è stata annullata con una battuta di scherno. E’ chiaro che tra i non votanti ci sono i disinteressati ma più ancora i giovani che non nutrono fiducia in alcun partito e che si dicono rassegnati all’idea che nessun cambiamento sarà possibile in ogni caso. E’ facile dire, invece, che i giovani delle due generazioni hanno scelto in massa il M5S con livello che supera il 60% qui nel Meridione, cui fanno seguito il Pd (circa il 15%), Lega (circa il 13%) e FI (circa 11%).

Se i dati sono questi, allora non è del tutto vero che il senso di sfiducia prevale nell’animo delle nuove generazioni, che non tutti vedono nero e senza speranza il futuro, che le passioni tutto sommato non si sono gelate nell’animo dei ragazzi. Di più, c’è da chiedersi sino a che punto sono i giovani che si sono allontanati dalla politica oppure sono i partiti incapaci di suscitare e di trasmettere passione e interesse.

Sono i partiti che appaiono lenti se non refrattari a comprendere e assimilare le sollecitazioni, le aspirazioni, i sogni delle nuove generazioni. E, dunque, la crisi di partecipazione non è addebitabile ai giovani ma agli adulti, visti non più modello da imitare ed esempio da seguire, i quali provocano così l’allontanamento delle generazioni che inevitabilmente fra non molto svolgeranno un ruolo fondamentale nella vita del Paese. Forse è arrivato il tempo in cui occorre “credere” nei giovani di queste generazioni, perché più di tutti gli altri “credono” nel futuro.

– Franco Iorio –

Un commento

  1. Ma come si fa a chiamare i ragazzi nati tra il ’98 e ’99 “Millennials”, se non hanno nulla in comune con le persone nate negli anni ’80 e primi del ’90. È così ovvio che fanno parte anche loro della generazione Z. Solo perché sono nati subito prima del nuovo secolo non vuol dire nulla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano