La notizia dell’incontro con il territorio del Vallo di Diano del Presidente del Consiglio regionale, Luca Cascone, sullo studio di fattibilità per la riapertura commerciale della linea ferroviaria Sicignano-Lagonegro induce il Comitato pro Ferrovia ad una serie di considerazioni. La linea è di proprietà dello Stato ed è affidata in concessione a RFI (Rete Ferroviaria Italiana). Le Regioni non hanno alcuna specifica competenza e potestà legislativa in materia.

A partire da questi due dati di fatto, il presidente del Comitato per la riattivazione della linea, Rocco Panetta, specifica che “i fondi per la riapertura al traffico e l’interconnessione sono quelli destinati agli investimenti sulla rete ferroviaria (24,77 miliardi di euro complessivi), specificamente dal punto Investimento 1.6 ‘Potenziamento delle linee regionali’ ed ammontante a 940 milioni di euro, con priorità per le linee del Sud da interconnettere con le tratte Alta Velocità. La linea Sicignano–Lagonegro è l’unica linea regionale esistente che può essere interconnessa con la tratta AV Battipaglia-Praia”.

Inoltre – ha aggiunto Panetta – è falso dire che i collegamenti bus sono più veloci di quelli con i treni. Tra Montesano e Atena Scalo gli autobus possono viaggiare al massimo a 50 km/h visto il susseguirsi di centri abitati e traffico, mentre il treno può raggiungere con il Sistema di Controllo Marcia Treno ormai attivo ovunque e l’automazione dei Passaggi a Livello i 100 km/h cioè il doppio”.

Panetta inoltre esprime le proprie riserve sull’ennesima cifra abnorme indicata per indurre anche l’opinione pubblica a considerare inutile o impossibile la riapertura della ferrovia: “Un costo di 750 milioni di euro per riaprire al traffico commerciale una linea regionale, a binario unico, non elettrificata, lunga 78 km, equivale al costo chilometrico di 10 milioni di Euro per la costruzione dell’Alta Velocità in Spagna (certificato dall’Unione Europea)”.

La finestra della speranza affaccia sempre sull’Alta Velocità: “La localizzazione della fermata nel Vallo di Diano dei Treni Alta Velocita sulla tratta AV Battipaglia-Praia dovrà essere determinata da RFI, appartenente al Gruppo Ferrovie Italiane dello Stato. Per questi motivi la fermata AV nel Vallo di Diano va localizzata sui terreni demaniali antistanti la stazione ferroviaria di Atena, lungo la linea Sicignano- Lagonegro, onde permettere le coincidenze tra Treni Alta Velocità e Treni Regionali circolanti sulla tratta Sicignano-Lagonegro, interconnessa alla tratta AV Battipaglia- Praia a nord della stazione di Atena, consentendo ai Treni Regionali di viaggiare a 160 km/ora sulla tratta AV Atena- Battipaglia”.

“Non riaprire al traffico commerciale la linea Sicignano-Lagonegro, interconnessa alla tratta AV Battipaglia-Praia, significa per l’Italia perdere i fondi specifici di 940 milioni del PNRR e per l’Impresa Ferroviaria Trenitalia, del Gruppo FSI, riduzione degli introiti per mancata emissione di biglietti cumulativi, favorendo l’impresa privata concorrente Italo e per gli abitanti del Vallo di Diano e del Lagonegrese continuare a viaggiare da e per Battipaglia, Salerno, Napoli con autobus alla velocità di 80-100 km/ora anziché a 160 km/ora” conclude Panetta.

  • Articolo correlato:

15/9/2021 – Ripristino della linea commerciale Sicignano-Lagonegro. Presentato lo studio di fattibilità ai Sindaci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano