Il sindaco Donato Pica interviene sulla vicenda relativa all’istituzione a San Pietro al Tanagro di una classe delle Scuole Medie di Sant’Arsenio. Una scelta che non è stata presa bene da alcuni genitori santarsenesi e alla quale il Comune di Sant’Arsenio si è già dichiarato nettamente contrario in una comunicazione alla Dirigente scolastica Antonella Vairo.

I soliti soloni della nostra comunità parlano a vanvera, – dichiara Pica – ma quale stupore? Le idee le abbiamo avute ben chiare sin dal primo momento. I Comuni nella loro autonomia sono liberi di chiedere l’istituzione nel caso specifico di una sezione distaccata della Scuola Media, come l’anno scorso ha fatto San Pietro al Tanagro. Dopo c’è un iter previsto dalle vigenti normative che va seguito. Il primo passaggio è la Conferenza provinciale per il dimensionamento della rete scolastica e in quella sede la Provincia non ha potere decisionale ma si limita a recepire le proposte del territorio e a trasmetterle alla Regione che, invece, deve prendere la decisione. In quella circostanza noi insistemmo sulla verticalizzazione per mettere insieme nello stesso comune le scuole dell’obbligo e gli Istituti Superiori. Ci fu risposto che le direttive dell’Ufficio Scolastico Regionale erano contrarie a questa forma di organizzazione della scuola“.

Il Piano di dimensionamento della rete scolastica risale al mese di gennaio scorso e non c’è traccia di recepimento dell’istanza di istituzione della sezione staccata della Scuola Media a San Pietro al Tanagro. “Già a gennaio sapevamo come stavano le cose, – continua Pica – se qualcuno di recente ha fatto fughe in avanti è libero di determinarsi come meglio crede, ma sono posizioni che non condividiamo. Queste valutazioni le ho notificate alla Dirigente Scolastica e al Provveditorato di Salerno, dato che alcune mamme hanno evidenziato la propria preoccupazione. Abbiamo chiesto di indicarci quale provvedimento regionale istituisce la sezione di Scuola Media e quale percorso si intende seguire“.

La mia nota non ha ottenuto risposta – conclude – ma ci prepariamo sereni a qualsiasi confronto si voglia fare. Nei giorni scorsi abbiamo effettuato un sopralluogo sul cantiere della nuova Scuola Media in costruzione e i lavori saranno terminati nella prima settimana di settembre. Un edificio con 15 classi, dove c’è spazio per tutti. Questa è la realtà dei fatti ed è l’unica che il popolo di Sant’Arsenio merita di poter conoscere“.

– Chiara Di Miele –


  • Articolo correlato:

12/6/2020 – Scuole Medie. Pica:”Contrario al trasferimento della sede delle lezioni per alunni residenti a Sant’Arsenio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*