Presentate ieri mattina, dai responsabili del Museo Mutante Virtuale (MU.VI), i  percorsi didattici presenti nella struttura ubicata in  località Valli di Caselle in Pittari, che rappresentano un potenziale fondamentale per la conoscenza  del territorio, incastonato in uno scenario incantevole, alla portata di alunni e studenti di ogni ordine e grado.

Presenti  alla suggestiva cerimonia, tra gli altri, coordinata dal presidente della Cooperativa Labor Limae Mariano Pellegrino, il sindaco di Caselle in Pittari Maurizio Tancredi,  Gennaro De Prisco del Centro ricerche dell’Università “Federico II” di Napoli, lo speleologo del Cai di Napoli Marco Ruocco, personale docente della Scuola Media “Camera” di Sala Consilina e i dirigenti scolastici Paola Migaldi, Corrado Limongi e Rocco Colombo.

Realizzata su due livelli, la struttura è provvista di sale multimediali e dispositivi tecnologici interattivi e consente ai visitatori di fare esperienze pratiche e di approfondimento dei fenomeni carsici più importanti d’Italia , nonchè della conoscenza delle splendide grotte e degli inghiottitoi, della flora e della vegetazione dell’intera zona.

Una struttura che vogliamo consegnare idealmente a tutte le scuole , con particolare riferimento a quelle del Cilento, Vallo di Diano e  del Golfo di Policastro – ha riferito il sindaco di Caselle in Pittari Maurizio Tancredi  –  Grazie all’utilizzo delle moderne tecnologie è possibile far conoscere luoghi inaccessibili e panorami inesplorati, che lasciano davvero con il fiato sospeso”.

– redazione –


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*