Ha avuto luogo ieri pomeriggio in Piazza Enrico Quaranta a San Pietro al Tanagro la “Giornata del personale sanitario, parasanitario e socio-assistenziale”, organizzata dall’associazione “+ Insieme Onlus” per ringraziare coloro che sono stati impegnati in prima linea nella lotta contro il Covid-19. A moderare i lavori è stato Giovanni Graziano mentre i saluti iniziali sono stati affidati al presidente dell’associazione Piera Aromando e al parroco don Franco Maltempo.

Da quando il virus è entrato nelle nostre vite ha creato maggiore solitudine allontanando le persone nei rapporti sociali e umani – spiega Aromando – Voglio usare due parole ripartire e valorizzare: ripartire da dove eravamo rimasti, da un senso di comunità, riscoprire l’identità comunitaria. Quasi 100 operatori hanno contribuito nella lotta al Covid-19 e ancora lo fanno. Ripartire veloce apprezzando e riconoscendo valore a chi permette questa ripartenza. Un grazie va a voi perché mentre il virus fermava il mondo, voi eravate in movimento. Mentre tanti erano privilegiati perché potevano restare a casa, voi l’avete dovuta lasciare. Il virus vi ha affidato un ruolo importante: avete saputo dare sicurezza ai pazienti. La sanità ha bisogno di persone umane che con amore e dedizione svolgono il proprio dovere a favore del territorio”.

Ha presentato i medici che hanno portato la loro testimonianza l’infermiere Daniele Graziano, Caposala del Pronto Soccorso dell’ospedale “Luigi Curto” di Polla e responsabile del presidio permanente di supporto al cittadino.

Abbiamo fatto il nostro dovere – commenta il dottor Domenico Rubino, Responsabile e Coordinatore dell’emergenza Covid e Primario del Reparto di Urologia – E’ stata un’esperienza molto dura e noi non eravamo abituati a fronteggiarla. Ci abbiamo provato fin dall’inizio e abbiamo creduto da subito che potevamo farcela. La mia esperienza è duplice perché nella prima fase ho coordinato e sono stato in prima linea mentre nella seconda fase purtroppo sono stato uno dei positivi e mi sono dovuto ricoverare. Non pensavo di farcela e devo ringraziare per questo i miei angeli. Non è finita ancora e non abbassiamo la guardia”. Il dottore Rubino, anche sindaco di Sassano, ha sottolineato come il suo paese era Covid free fino a qualche giorno fa e ieri è stata comunicata la positività di 7 cittadini. Ha parlato dell’ospedale, del bisogno di difenderlo e potenziarlo e della sanità che ha definito “onesta”.

Presente il dottor Ferdinando Giannattasio, Dirigente Medico di I Livello dell’Unità Operativa Medicina Covid, che ha rimarcato il buon lavoro fatto dal presidio ospedaliero pollese grazie anche all’impiego di un personale sanitario professionale e umano che ha “curato, accudito e accompagnato la paura dei pazienti”. Ha inoltre ringraziato i giovani sanitari che hanno dato un prezioso contributo. Il Reparto Covid ha curato 164 pazienti, 104 sono tornati a casa mentre 60 purtroppo non ce l’hanno fatta.

E’ intervenuto anche il dottor Silvio Saponara, Primario del Reparto di Cardiologia e U.T.I.C. e promotore del presidio permanente, che ha vissuto l’esperienza in modo non diretto: in una prima fase il suo reparto è diventato Covid mentre in una seconda fase, invece, ha collaborato da esterno. Ha ricordato l’importanza del rapporto diretto tra i sanitari dell’ospedale e il territorio.

Devo dire che con Daniele Graziano il mio Pronto Soccorso ha avuto una diversa strada e siamo riusciti veramente a fare un Pronto Soccorso normale – dichiara il dottor Antonio Innac, Primario del Pronto Soccorso e area contumaciale Covid – Quando sono arrivato ho trovato un ambiente molto collaborativo con infermieri e medici che svolgevano il loro lavoro e partecipavano alle attività. Con il Covid è cambiato tutto, ci ha colpito una tempesta. Siamo riusciti a costituire il Reparto Covid e il Front Office. Il Pronto Soccorso può funzionare se ha del personale. In questo momento abbiamo il personale infermieristico, quello che ci manca sono i medici. Speriamo di creare quella giusta situazione capace di darvi la giusta assistenza”.

Ai medici presenti e a tutto il personale sanitario di San Pietro al Tanagro l’associazione ha donato una pergamena come gesto simbolico. Presente anche il consigliere segretario dell’Associazione Giornalisti Vallo di Diano Pierino Cusati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*