Se Salerno avesse il porto”, secondo un antico adagio, sarebbe un’eccellenza insuperabile. “Di porti ora Salerno ne ha tre ma ancora è soffocata da una cattiva amministrazione della cosa pubblica che soffoca ogni possibilità di eccellenza“. Il Codacons denuncia un altro disastro ambientale dovuto all’inciviltà di qualcuno e all’incuria da parte della pubblica amministrazione:”Sappiamo che non sarà l’ultimo eppure si rimane sbigottiti a scoprire che, a pochi passi dallo Stadio Arechi e dalla meravigliosa Marina d’Arechi si è consumato l’ennesimo delitto ambientale“.

L’avvocato Matteo Marchetti, su segnalazione dell’avvocato Antonio Borrasi, ha documentato le angosciose immagini pubblicate su Facebook e diffuse a mezzo stampa. “Il Codacons – dichiara il segretario nazionale – ha diffidato formalmente il sindaco Vincenzo Napoli e ha denunciato l’accaduto alla Procura della Repubblica. Stando alla nuova normativa, qui siamo di fronte al reato di disastro ambientale“.

L’area è pervasa da una puzza nauseabonda, come testimoniato dall’avvocato Marchetti, è irrespirabile, intrisa del classico fetore del percolato e del marcio, insieme all’acre olio per motori e vernici. “Il paesaggio appare collinare ma non c’è niente di naturale. Si tratta di rifiuti interrati – continua l’avvocato Marchetti – su cui la natura ha provato ad avere la meglio, inglobandoli; è chiara a tutti la gravità della situazione“.

Invito tutti i cittadini – conclude – a segnalare alla nostra associazione le situazioni di degrado a cui assistono all’indirizzo email codacons.campania@gmail.com. Garantiremo l’anonimato a chi lo vorrà e daremo spazio a tutti perché abbiamo a cuore le persone: l’esperienza associativa ci insegna che il bene collettivo può essere tutelato solo grazie alla voce dei singoli. Dal canto nostro, faremo l’impossibile per il bene della nostra terra e non tollereremo più il lassismo né la scarsa attenzione della pubblica amministrazione sui problemi della gente“.

– Chiara Di Miele –

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*