Condivido le preoccupazioni del Presidente del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, quando denuncia che molti eco-reati restano purtroppo impuniti, nonostante gli sforzi delle competenti Procure e le evoluzioni del sistema giudiziario“. A parlare così è l’europarlamentare Lucia Vuolo, della Lega Salvini Premier, sulla vicenda dei rifiuti tossici nel Vallo di Diano.

Intanto che i Tribunali competenti muovono i passi per l’individuazione e la punizione dei responsabili, con i ridotti mezzi e tutte le criticità del sistema giudiziario italiano, i territori vengono continuamente deturpati – sottolinea – ed a pagare sono sempre i cittadini, che subiscono lo scempio ambientale e ed il peggioramento delle condizioni di vita.

Lucia Vuolo promette di attivarsi affinché venga posta all’attenzione del Parlamento Europeo la tutela dell’ambiente e la gestione del sistema rifiuti nazionale “che troppe falle presenta ancora oggi e che per diversi aspetti è già stato oggetto di infrazioni contestate proprio dalla Europa“.

Comprendo l’amarezza nel vedersi ‘ostaggio’ degli ennesimi veleni – continua -. Sono, infatti, legittime le preoccupazioni sollevate da Giuseppe Vitolo, coordinatore della Lega Salvini Premier nel comprensorio del Vallo del Diano. Ecco perché mi auguro che anche la Regione Campania e il ministero dell’Ambiente possano attivare tutto quanto di propria competenza per evitare che l’ennesima vergogna ambientale finisca nel dimenticatoio dopo la rabbia del momento“.

– Paola Federico –


  • Leggi anche

31/10/2019 – Sequestro rifiuti nel Vallo di Diano. Tommaso Pellegrino esprime amarezza e indignazione

Un commento

  1. Iamme,iamme,iamme ia…………..!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*