“Psicologica…Mente” – Attacchi di panico e ansia. Come si possono superare?



































Psicologicamente logoQuante persone si sono trovati a dover gestire, almeno una volta nella vita, l’ansia e gli attacchi di panico? Sudorazione, difficoltà a respirare, tremore, possono diventare un disagio fisico e sociale quando non si riescono a gestire autonomamente.
Ne abbiamo parlato nel primo appuntamento di “Psicologica…mente” con la dott.ssa Caterina Lauria

  • D. – Dott.ssa, a cosa sono dovuti gli attacchi di panico?

R. – “Abbiamo tre tipi di attacchi di panico caratteristici con differenti relazioni tra l’esordio dell’attacco e la presenza o assenza di fattori scatenati situazionali: Attacchi di panico provocati da un evento situazionale scatenante; Attacchi di panico a ciel sereno senza un motivo apparente; Attacchi di panico sensibili alla situazione che hanno la probabilità di manifestarsi in seguito all’esposizione di un determinato stimolo. In ogni caso per comprendere nello specifico l’origine dell’attacco di panico bisogna esaminare le circostanze dell’attacco di panico e la storia del paziente”

  • D. – Quali sono i fattori più comuni che possono portare all’insorgere di un attacco di panico?

R. – “Da uno studio pilota si è visto che i fattori stressanti significativi che possono precedere l’insorgere di attacchi di panico riguardano cambiamenti nella situazione lavorativa o perdite di figure significative nella vita del paziente. Altro fattore predisponente è la presenza di un legame di attaccamento con i propri genitori insicuro e costellato nell’infanzia di episodi di abbandono”








  • D. – Ogni anno aumentano i casi di “falso allarme” per infarto che i medici diagnosticano poi per attacco di panico. Ci spiega quali sono i sintomi fisici?

R. – “Tra i sintomi fisici dell’attacco di panico il più frequente è un dolore e un fastidio al petto, di solito sono le persone che sperimentano per la prima volta un attacco di panico che temono di aver un’affezione cardiaca e che si precipitano in ospedale. Gli attacchi di panico generalmente durano alcuni minuti, la persona sperimenta un’intensa paura o disagio, durante il quale si manifestano una serie di sintomi somatici quali palpitazioni, difficoltà di respirare, sudorazione, dolore al petto, tremore, vertigini, paura di perdere il controllo o di impazzire, paura di morire, ecc…”

  • D. – Si dice che senza ansia non si può vivere e che sia funzionale all’ uomo. Quand’ è che diventa un fattore nocivo?attacchi-di-panico

R. – “Lo stato di ansia si manifesta quando l’organismo viene sottoposto ad una stimolazione, in questo senso è una reazione generale e normale ha una funzione di attivazione delle risorse fisiche e mentali del soggetto. Contenuta entro certi limiti produce un effetto di ottimizzazione delle prestazioni. L’ansia diventa nociva quando i livelli di ansia sono così alti da compromettere l’efficacia funzionale della persona”

  • D. – Un attacco di panico quanto può limitare la vita dell’uomo?

R. – “Quando il disturbo di panico è associato ad agorafobia che comporta l’evitamento fobico di luoghi e situazioni dai quali sarebbe difficile allontanarsi o chiedere aiuto in caso di attacco. Vi sono forme in cui non si manifesta mai l’agorafobia, forme in cui si manifesta un agorafobia di lieve entità e casi estremi in cui gli individui non escono per anni di casa”

  • D. – Si possono vincere ansia e attacchi di panico?

R. – “Certo, la persona può imparare facendosi aiutare a gestire sia l’ansia che gli attacchi di panico. Si può intervenire da un punto di vista farmacologico per attenuare i sintomi e con la psicoterapia per comprendere le cause del disturbo per superare le paure. Combinata insieme la terapia farmacologica e la psicoterapia possono aiutare a ridurre il rischio di ricadute nei pazienti con attacco di panico.
Quando il disturbo non è grave possono dare un valido aiuto per ridurre i livelli di ansia anche tecniche quali lo yoga e i corsi di rilassamento“.

– Claudia Monaco – ondanews –

 



































Commenti chiusi