Piano “Banda ultra larga”. Per la Basilicata recuperati 3,5 milioni di euro per i 55 Comuni esclusi





































Tutti i 131 Comuni della Basilicata potranno contare sulla banda ultra larga. Il Governo, infatti, a seguito di una riunione del Dipartimento per le Politiche di Coesione, ha recuperato oltre cinque milioni di euro per 55 Comuni lucani che in precedenza erano stati esclusi dalla realizzazione della “Banda ultra larga”.

Il piano, quindi, toccherà tutta la regione e nessun Comune verrà lasciato indietro. Si colmerà finalmente un divario digitale su tutto il territorio. La riunione si è tenuta presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri e si è discusso proprio della mancata copertura prevista dall’accordo tra Ministero e Regione Basilicata.

Individuati con precisione 5 milioni e 298mila euro. In questi 55 Comuni, 28 sono stati già coperti da Tim con la banda fino a 30 mpbs e si interverrà quindi successivamente. In tutti i Comuni si avrà una copertura progressiva fino a 100 mbps. I fondi sono stati reperiti dai risparmi di gara sui fondi nazionali FSC in cui figurano risorse non ancora utilizzate per 477,5 milioni.








Per il Potentino risultano anche i Comuni di Baragiano, Corleto Perticara, Grumento Nova, Lagonegro, Marsico Nuovo, Marsicovetere, Moliterno, Muro Lucano, Picerno, Paterno, Ruoti, Vietri di Potenza e Viggiano. Il piano nazionale per la banda ultra larga prevede la copertura dell’85% della popolazione, entro il 2020, con connettività almeno a 30 mbps.

– Claudio Buono –







































Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*