Un’importante operazione è stata messa a segno nella notte dagli uomini della Guardia Costiera di Marina di Camerota, agli ordini del Primo Maresciallo Marco Boschetti e coordinati dal Tenente di Vascello Francesca Federica del Re. I militari, infatti, dopo diverse ore di appostamento hanno colto in flagranza di reato, nei pressi della spiaggia di Lentiscelle a Marina di Camerota, tre uomini di Vico Equense che effettuavano pesca subacquea sportiva dopo il tramonto e con fonti luminose.

I tre uomini, due 55enni e un 51enne, sono stati braccati dalle due squadre dei Guardacosta, appostate lungo l’arenile e vicino ad una grotta, nei pressi di un dirupo, dove sono stati bloccati con in mano tutta l’attrezzatura necessaria per la pesca subacquea notturna. I tre sub da molto tempo venivano seguiti dagli uomini della Guardia Costiera che ieri notte hanno posto fine alle violazioni da loro perpetrate nel tempo.

Immediatamente per i tre uomini è scattata la sanzione amministrativa di 3mila euro e il sequestro dell’intera attrezzatura.

Quella di ieri sera rientra all”interno dell’operazione complessa ‘Mercato globale’ – ha dichiarato il Tenente Del Re – ed è uno dei numerosi controlli che l’Ufficio Circondariale Marittimo di Palinuro ha effettuato durante questo periodo prefestivo per la salvaguardia del consumatore. Numerosi controlli, infatti, sono stati effettuati in ambito pesca, accompagnati anche da molti sequestri. Ovviamente l’attenzione è stata rivolta anche alla pesca subacquea come accaduto in questo caso“.

– Maria Emilia Cobucci –

Un commento

  1. Tutta questa mobilitazione per tre sub che probabilmente non tiravano nemmeno un pesciotto dal mare, e che mi dite dei pescatori che tutti i giorni posizionano reti a 20 mt dalle scogliere e anche all’interno dei porti? Come mai non ci sono articoli per questi veri bracconieri del mare, e pure sono realtà che si vedono ogni giorno

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*