La Giunta Comunale di Padula, guidata dal sindaco Paolo Imparato, ha approvato di adottare la Nuova Carta dei Diritti della Bambina su invito dell’Associazione FIDAPA BPW – Sezione di Montesano che ha inviato a tutti i Sindaci del comprensorio la richiesta di adozione della Carta stessa.

La versione originale della Carta fu presentata ed approvata a Reykjavik nel 1997 durante il IX Congresso della Federazioni Europee della BPW, in seguito all’emergere della questione dell’infanzia femminile durante la Conferenza mondiale di Pechino del 1995. La Carta, ispirata alla Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia del 1989, a differenza e a integrazione di questa che pone sullo stesso piano i due generi, li distingue in termini di caratteristiche e bisogni, avuto riguardo alle diverse connotazioni fisiche ed emozionali e rappresenta una premessa fondamentale per l’affermazione e la tutela dei diritti delle donne fin dalla nascita. Fa sì, inoltre, che famiglia, scuola e comunità si assumano responsabilità perché la bambina possa crescere nella piena consapevolezza dei suoi diritti e dei suoi doveri.

L’associazione FIDAPA BPW Italy, nell’ambito delle proprie finalità statutarie, propone agli Enti Locali l’adozione della Nuova Carta Dei Diritti della Bambina per sensibilizzare l’opinione pubblica a un’azione mirata di contrasto alla drammatica emergenza della violenza di genere, per un’educazione delle giovani e dei giovani scevra da pregiudizi, spesso all’origine di episodi di violenza, per promuovere la parità sostanziale fra i sessi e la valorizzazione delle differenze fra bambine e bambini.

Così l’Amministrazione padulese, raccogliendo l’invito, ha approvato l’adozione della Carta e ne favorirà la diffusione e la conoscenza nelle scuole, tra i giovani e le associazioni.

– Chiara Di Miele –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano