E’ stato presentato ieri sera in una conferenza organizzata online il progetto “Early Spa 1.0” realizzato dall’Unità di Reumatologia dell’Azienda Ospedaliera Regionale “San Carlo” di Potenza. Ad annunciarlo è la Direzione dell’Azienda.

Il progetto Early Spa è stato realizzato grazie al finanziamento di un partner privato e si è posto l’obiettivo di ottimizzare i percorsi di diagnosi e cura in Reumatologia, basando la propria attività sul principio della centralità del paziente, partendo dalle principali sfide della reumatologia italiana: risorse assistenziali non adeguate a sostenere la domanda di cura, diagnosi tardive e conseguente difficoltà di presa in carico precoce dei pazienti. Early Spa si è posto come obiettivo principale proprio quello di sostenere la riorganizzazione delle reumatologia delle differenti strutture sanitarie coinvolte, in modo da creare ambulatori specializzati nella diagnosi e presa in carico precoce dei pazienti affetti da spondiloartriti, patologie dolorose croniche delle quali sono interessati in Italia 600mila persone, in particolar modo uomini dai vent’anni in su, e spesso progressivamente invalidanti.

Le spondiloartriti possono colpire sia la colonna vertebrale sia le articolazioni periferiche: sono malattie di difficile diagnosi tant’è che oggi vi è ancora un ritardo diagnostico mediamente di cinque anni rispetto all’esordio e ciò comporta una maggior probabilità di danni strutturali permanenti, rappresentando, quindi, un vero problema sociale sia per l’impatto che hanno sulla vita del paziente, riducendone la qualità e l’aspettativa, sia per i conseguenti notevoli costi sociali.

Durante il progetto Early Spa 1.0, della durata di un anno, è stata ridefinita l’organizzazione della gestione delle visite di controllo, comunicando ai pazienti un orario predefinito per l’appuntamento, è stata potenziata l’attività dedicata alle prime visite definendo giorni di apertura extra degli ambulatori in modo da abbattere le liste d’attesa e migliorando i tempi di attesa.

– Chiara Di Miele –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*