Sono ben quattro i nati all’ospedale di Lagonegro nei primi tre giorni del nuovo anno. A differenza dello scorso anno non c’è stato nessun nato il giorno di Capodanno.

Ma il primo nato è arrivato nella notte tra l’1 e 2 gennaio, poi altri tre nati fino ad oggi. Tra i primi nati, c’è anche un bambino di Polla. Si apre con ottimi numeri il nuovo anno del reparto di Ostetricia e Ginecologia di Lagonegro che ha chiuso il 2021 con ben 654 nascite. Un dato ottimo se si pensa che nei primi nove mesi del 2021 le nascite in Italia sono state 12.500 in meno rispetto allo stesso periodo del 2020. A Lagonegro il primo nato si chiama Nicola, figlio di una coppia calabrese residente a Santa Maria del Cedro. Qualche ora più tardi, in mattinata, è nato Francesco, figlio di una coppia di Polla. Nel pomeriggio è poi venuto alla luce un altro bambino, anch’egli lucano, Francesco, figlio di una coppia di Maratea. Oggi pomeriggio, invece, il quarto nato del nuovo anno dall’ospedale di Lagonegro, di nome Gabriele, figlio di una coppia di Lauria. Tutti e quattro i bambini stanno bene ed anche le rispettive madri. I quattro nati a Lagonegro sono quindi due lucani, un calabrese e un campano, in linea con il trend generale, dal momento che l’ospedale è situato in un’area che abbraccia non solo il territorio lucano ma anche quello del Vallo di Diano, del Cilento e della Calabria. Numeri importanti per il reparto diretto dal primario dottore Alfonso Chiacchio, di Nemoli, arrivato all’ospedale di Lagonegro nel settembre 2019, quando le nascite a Lagonegro furono 476. Poi il numero record di 749 nuovi nati nel 2020 e le 654 nascite dell’anno che si è appena chiuso, che è comunque più che positivo data la grave crisi demografica.

Un lavoro da sempre eccellente e di grande amore quello fatto dall’Unità Operativa Complessa di Ostetricia e Ginecologia del Presidio Ospedaliero di Lagonegro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano