E’ una triste storia quella che vede come vittima e protagonista Nerone, un cane a cui sono stati tagliati i testicoli probabilmente con un pezzo di vetro e a cui la bocca è stata chiusa con il fil di ferro. 

Tutto è accaduto nel centro storico di Capaccio, dove un autista ha ritrovato il povero animale in una pozza di sangue nei pressi della fermata dell’autobus e alcune volontarie animaliste, allertate, lo hanno soccorso portandolo in un ambulatorio veterinario dove in seguito è stato operato e dove resta sotto osservazione.

Nerone è un randagio di cui si è preso cura da tempo un uomo di Capaccio, però da qualche giorno era scomparso. Fino al doloroso ritrovamento nel centro storico cittadino.




Si procederà alla denuncia di quanto accaduto a Nerone.

Ho ancora negli occhi il suo dolore, il suo sguardo nel mio, il fiume di sangue che veniva giù – dice Maria Teresa Di Fiore, una delle volontarie che lo ha salvato – Nerone è debole ma vuole vivere, vuole tornare a casa e ci tornerà, io non faccio i sacrifici pesanti per gli animali per poi buttare le cose dietro alle spalle e dimenticare. Adesso sono decisa ad andare avanti, per Nerone e per tutti gli animali che stanno subendo violenze inaudite e avvelenamenti nella nostra zona“.

– Chiara Di Miele –

 

3 Commenti

  1. Chi ha fatto questo crimine, i testicoli già non ce li ha. è un frustrato schifose e pericoloso. È una merda da rimuovere. Chi sa e non parla è altrettanto merda e colpevole. Si cominci a punire seriamente o la rabbia montera’ irrefrenabile in tutte le persone miti e civili

  2. Tonino B. says:

    BASTARDI.

  3. annamaria says:

    quando trovate i responsabili, spero prestissimo per la violenza inaudita su un povero cane, perchè non sottoporli alla stessa amputazione ? sempre da svegli, legati con braccia e gambe divaricate ad un lettino. come sarà “bello” per loro sentire la sofferenza e il dolore, inflitta sicuramente per divertirsi!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*