Arriva la risposta del dirigente regionale Paolo Sarnelli con una nota che di fatto autorizza Coldiretti ad acquistare in nome e per conto dei propri allevatori i vaccini BV1 e BV4 per la “Blue tongue“, la febbre catarrale che sta colpendo soprattutto gli ovini. La malattia infettiva, nota in Italia come “Morbo della lingua blu“, si è diffusa in maniera preoccupante anche tra gli allevamenti ovini di circa 30 agricoltori del Vallo di Diano.

La conferma dell’acquisto dei vaccini arriva a pochi giorni dalla richiesta di Coldiretti Campania al dirigente del settore veterinario della Regione Campania, a firma del direttore Salvatore Loffreda.

La vaccinazione è prevista esclusivamente per la movimentazione delle specie sensibili. Come è noto gli obiettivi della campagna vaccinale, oltre a consentire la movimentazione intraregionale ed extraregionale degli animali delle specie recettive alla “blu tongue”, consente di proteggere dalla forma clinica il patrimonio ovi-caprino dai danni derivanti dalla circolazione del virus e limita la possibilità di circolazione virale nel territorio.

Vincenzo Casella

Grande soddisfazione anche dal presidente zonale della Coldiretti Vallo di Diano, Vincenzo Casella:La nostra associazione pone grande attenzione alla soluzione delle problematiche dei propri associati ed è in grado, per le competenze del suo staff tecnico, di interfacciarsi con altri enti e di arrivare ad una soluzione delle problematiche stesse. Inoltre c’è stata grande disponibilità e collaborazione da parte dell’ASL Servizio Sanità Animale, nella persona di Giuseppe Comuniello. Questo è il grande valore della Coldiretti e del nostro territorio”.

– Tania Tamburro – 


  • Articolo correlato

25/06/2016 – Allarme tra gli allevatori del Vallo di Diano per il morbo della lingua blu


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*