Celebrare numeri più che positivi, un trend decisamente in crescita e i valori di sempre, che parlano di sostegno e vicinanza al territorio, è quanto ha spinto la Banca Monte Pruno a festeggiare, sabato scorso, il secondo Monte Pruno Day.

Nel prato della sede amministrativa di Sant’Arsenio, l’istituto di credito diretto da Michele Albanese ha offerto a clienti e amici di sempre uno spettacolo di qualità, buon gusto e forte passione non solo per questa terra ma anche per l’arte nelle sue forme più varie. A guidare la serata, sul palco, Annamaria Sodano e Antonio Mastrandrea, Responsabile della Comunicazione della banca, che magistralmente hanno accolto gli ospiti di quella che è stata una grande festa di cui protagonisti sono stati i brillanti numeri del primo semestre 2015.

Sulle note dell’orchestra del Maestro Antonello Cascone si sono esibiti Marco Opromolla, giovane cantante di Polla lanciato dalla Banca in quella che fin d’ora si prospetta una rosea carriera, i tre soprani “Le Loving” e il tenore di fama internazionale Francesco Malapena.

Lo spettacolo e i magici suoni degli orchestrali hanno poi lasciato spazio ad un angolo tutto dedicato alla Monte Pruno e ai suoi successi nel primo semestre 2015. Cono Federico, Responsabile dell’Area Direzione, intervistato da Angelo Raffaele Amelio, giornalista responsabile della pagina economica di “Unomattina”, ha presentato il positivo trend di questa metà anno. Una raccolta di oltre 380 milioni di euro, finanziamenti pari a 250 milioni, un indice di crediti anomali al di sotto delle medie di settore e un utile d’esercizio che rappresenterà, nell’anno, il miglior risultato di sempre della banca. Risultati forieri di speranza e positività che, secondo Federico, “non sono altro che la cartina tornasole di ciò che quotidianamente facciamo, cioè ascoltare la gente e offrire fiducia“.

Abbiamo voluto ridare al territorio ciò che il territorio ci dà, perchè gli vogliamo davvero bene” è stato il messaggio lanciato sul palco da un emozionato Michele Albanese, guida instancabile e anima dell’istituto di credito.

Un finale decisamente d’eccezione con i due ospiti d’onore della serata. Lo showman Gino Rivieccio, che ha divertito la folta platea con il suo humor tutto partenopeo, e Michele Placido, che ha regalato un assaggio del suo prossimo lavoro teatrale, che sarà in scena al Cilea di Napoli, dal titolo “Serata d’onore. A lezione da Placido… di cinema, teatro e poesia”, tra canzoni classiche napoletane, passando per Eduardo, Trilussa, Troisi e Gozzano.

– Chiara Di Miele –



 


Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*