“Esprimo personalmente un forte disappunto ed una tristezza immane, per l’ennesimo accordo, anzi patto, stipulato dai nostri sindaci del Vallo di Diano, ieri a Napoli, con il Ministro Minniti, al quale eravamo presenti, per il piano di distribuzione sul territorio Campano dei richiedenti asilo, anche su quello Comprensoriale,  basato su criteri di proporzionalità e sostenibilità, in base al numero dei residenti, volto all’integrazione in questo caso anche lavorativa e non all’accoglienza urgente, già affrontata anche se in maniera non eccellente, purtroppo”.

Inizia così un nota stampa di Fabio Leuzzi,  Responsabile Sicurezza Immigrazione e Integrazione del gruppo “Noi Con Salvini “ Vallo di Diano, Alburni e Tanagro”.

E’ stato sferrato un altro duro colpo alla nostra gente, poiché continuano, sulla nostra pelle, ad accordarsi per sole ragioni economiche – continua Leuzzi – Dimenticate che il tutto sia fatto per vera misericordia, dato che finora, è stato sempre volto l’interesse ad accumulare risorse, non umane, ma monetarie, poiché tutti sanno quanto sia redditiza l’immigrazione per cooperative, enti, e connessi. Più che di integrazione parlassero di speculazione. I sindaci Valdianesi aderenti, che hanno per l’ennesima volta mortificato le persone perbene, disoccupate, con reali problemi economici, e non credo che il Comprensorio sia esente da questi problemi, pertanto hanno ceduto, all’interesse non comunitario, per l’ennesima volta. I cari politici, sindaci di Teggiano, Sala Consilina, Sassano, Padula, Caggiano, Polla, hanno firmato, in maniera a dir poco irresponsabile, dato che l’italiano non è redditizio, sfortunatamente”.

Non dimentichiamo – sottolinea Leuzzi – San Rufo, ultimo e non per importanza, sul quale territorio è ancora disperso un ospite della struttura gestita dalla Cooperativa Sociale Iris, nella fattispecie pone gravi dubbi sulla futura accoglienza di altri migranti, poiché sfortunatamente, questo ragazzo fuggito, non è stato ancora ritrovato, ergo sarà davvero opportuno inserire altri migranti se non si è stati capaci, ahinoi di occuparsi degli ospiti in maniera adeguata? Non lo dico certo io, ma i fatti oggetto di cronaca. Non pensate sia il tempo di pensare ai propri concittadini in maniera reale e non firmare solo in mera e spiacevole ragione economica? Più occupazione per i propri abitanti di ogni Comune firmatari e non solo, non sarebbe più opportuno? Meditate di più e firmate di meno, cari sindaci! Basta speculazione, basta business dell’immigrazione! Più diritti per gli italiani, ovvero per coloro che hanno costruito anche le case e i palazzi nel quale ubicate. I razzisti non siamo di certo noi, meditate, occupatevi anche di chi vi ha permesso di gestire le varie amministrazioni. Non chiedo nient’altro, solo di meditare”.

– Paola Federico –


  • Articolo correlato

19/12/2017 – Migranti. Gli amministratori del Vallo di Diano alla firma con Minniti del protocollo sull’accoglienza

3 Commenti

  1. La dimensione politica e culturale fatica a capire i rapidi cambiamenti sociali in un mondo globalizzato che non ha ancora trovato un nuovo equilibrio. Oggi i problemi sono planetari (povertà, lavoro, ecologia, criminalità, pace…) e nessuno può salire in cattedra indicandone la soluzione. Ma c’è chi ritiene di poter bacchettare i Sindaci del Vallo di Diano, rei di “accordo” con Minniti, così amplificando la diffidenza dei contesti relazionali. Non sfugge l’autoreferenzialità del commento e il monito “Meditate di più, firmate di meno”. Il “disappunto” sale con l’avvicinarsi della campagna elettorale. Chissà se gli eredi del Senatùr si agitano per un posto al sole in una delle Camere per poter banchettare alla tavola dei 48milioni rubati da Bossi e Belsito!

    • Pasquale D'Alto says:

      Bello commentare e fare il leone da tastiera, mentre tutti questi ragazzi ci stanno mettendo la faccia! La prossima volta, può anche andare a contestare e ribattere, ma di persona! I discorsi anonimi arzigogolati non servono a nulla se non si firma!!!! Loro stanno lottando, lei commenta anonimamente! Quanta tristezza!

  2. Condivido in pieno,questa non è accoglienza ma solo motivo per mettersi in mostra agli occhi dei politici e fare clientelismo.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*