È di ieri l’annuncio del Presidente Vincenzo De Luca di voler procedere ad un lockdown generalizzato per l’intera regione Campania, suggerendo l’estensione di tali misure anche a livello nazionale. Il senatore del M5S Francesco Castiello afferma che “è opportuno fare una attenta riflessione sulla chiusura generalizzata, in quanto essa metterebbe definitivamente in ginocchio la già fragile economia campana. I casi riscontrati di contagio da Coronavirus sono localizzati principalmente nelle province di Napoli, di Caserta e nei grandi centri della provincia di Salerno, dove la conformazione territoriale e il grado di urbanizzazione favoriscono assembramenti e diffusione del contagio. Per quanto riguarda il Cilento e il Vallo di Diano, che sono aree scarsamente popolate, alla luce dei dati diffusi quotidianamente dall’Unità di Crisi Regionale, tale rischio sembra venir meno, contandosi poche decine di casi disseminati su una vasta area, sicché appare ingiustificata una chiusura generalizzata di tutte le attività in tali zone”.

La soluzione preferibile, per Castiello, è quella di un lockdown selettivo nei confronti delle aree maggiormente colpite dalla pandemia e più a rischio sotto il profilo del contagio della popolazione residente. “In un comune delle aree interne del Cilento e del Vallo di Diano – spiega – non possono essere attuate le stesse misure previste per grandi città quali Napoli e Salerno, in quanto i loro effetti si tradurrebbero esclusivamente in grave pregiudizio del livello socio-economico, rivelandosi intervento spropositato rispetto al contenimento del contagio”.

In definitiva, conclude il senatore, “se chiusura ci deve essere, essa va limitata esclusivamente alle zone con il più alto tasso di sviluppo della pandemia, garantendo così l’attuazione di misure proporzionate al reale stato epidemiologico, piuttosto che applicare le stesse misure restrittive a realtà completamente differenti per grado di antropizzazione, densità abitativa e rischi conseguenti. L’eguaglianza dei diseguali viola l’art. 3 della Costituzione e non è accettabile“.

– Chiara Di Miele –

3 Commenti

  1. Morrone Giovanni Battista says:

    Un suggerimento, il movimento delle persone non deve essere vietato ai cittadini, che abitano in comuni attigui., io abito in via Ascolese a Sassano, tale strada divide Padula e Sassano, grazie.

  2. Caro Senatore, la campagna elettorale è finita. Pensiamo alla salute non come modo di dire ma come bene supremo di una società che per i più deboli è disposta a rinunciare ad un po’ di benessere.

  3. Rocco Panetta says:

    Bravissimo, c’è qualcuno che ha conservato il buon senso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano