Dopo le presentazioni svolte nelle città di Enna e Aidone, riparte il tour letterario siciliano dell’autore padulese Emilio Sarli, che incontrerà i lettori interessati al suo ultimo libro “La dea di Morgantina”, omaggio alla meravigliosa scultura del Museo Regionale di Aidone, risalente al V secolo a.C., trafugata dall’area archeologica di Morgantina negli anni settanta, esposta al Getty Museum di Los Angeles e finalmente restituita alla sua terra nel 2011.

Come dice la quarta di copertina del libro, attraverso il percorso introspettivo del protagonista, si esplica la narrazione della vicenda della dea di pietra, che sprofonda nel mito che spiega l’archè dell’universo, raggiunge l’età del bronzo e del ferro, si colora di poesia nei versi di Omero e Ovidio, diviene storia e sbarca il lettore nell’epopea di Ducezio e del sogno di indipendenza dei siculi, delle guerre del Peloponneso e delle battaglie puniche.

Il viaggio letterario prevede le seguenti tappe:

17 settembre: Piazza Armerina, ore 17, presso la nuova sala convegni della Giò Social House in via Garibaldi (quartiere Plutia). Con l’autore parteciperanno l’editore Salvo Bonfirraro e la presidente dell’Archeoclub Aidone-Morgantina Alessandra Mirabella, che interverranno dopo i saluti di Gabriella Giunta.

18 settembre: Caltagirone, ore 19, nella cornice del Giardino Spadaro in via San Giuseppe 5, accanto alla nota scalinata di maioliche di Santa Maria del Monte. Con l’autore, parteciperanno l’editore Salvo Bonfirraro e la presidente dell’Archeoclub Aidone-Morgantina Alessandra Mirabella, che interverranno dopo i saluti di Francesco Paolo Failla, direttore della Biblioteca dell’Arcivescovado.

19 settembre: Catania, ore 20,30, Corte del Palazzo Platamone, nella cornice del Buk Festival, kermesse nazionale della piccola e media editoria. Con l’autore, parteciperanno l’editore Salvo Bonfirraro, la presidente dell’Archeoclub Aidone-Morgantina Alessandra Mirabella e la presidente dell’Archeoclub Catania Giusy Liuzzo. Seguirà lo spettacolo “Tra mito e storia: Morgantina rivive”, ispirato alle atmosfere di alcuni testi mitologici tratti dalle Metamorfosi di Ovidio ed interpretati dalla Compagnia teatrale Kalòs per la regia di Calogero Matina.

20 settembre: Pietraperzia, ore 19, presso il Chiostro di Santa Maria di Gesù in Piazza V. Emanuele. Con l’autore, parteciperanno l’editore Salvo Bonfirraro, la presidente dell’Archeoclub Aidone-Morgantina Alessandra Mirabella ed il presidente dell’Archeoclub Pietraperzia Andrea Rapisardi. Nell’occasione sarà proiettato il docufilm “Genesi: la dea di Morgantina”, di Fabrizio Lunetta, premiato al Festival Internazionale del cinema archeologico di Rovereto.

La narrazione di Emilio Sarli ha riscosso notevole interesse nell’entroterra siciliano, trovando spazio ed attenzione anche sulle pagine culturali di quotidiani come il Giornale di Sicilia e la Gazzetta di Enna, che ne hanno apprezzato sia la peculiare trama che intreccia il mito con la storia, che il registro linguistico in prosa e versi.

– redazione –


 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*