“Oggi è un bel giorno per i lavoratori della Treofan innanzitutto, ma anche per noi che da oltre un anno seguiamo gli alti e i bassi di una vertenza che sentiamo ormai come nostra”.

Così i deputati Anna Bilotti e Cosimo Adelizzi commentano a caldo la notizia dell’accordo raggiunto al tavolo del Mise per la rilevazione dello stabilimento di Battipaglia da parte dell’azienda Jcoplastic. L’accordo sancisce la reindustrializzazione del sito con un piano occupazionale che prevede la ricollocazione di 51 dipendenti (il 70%entro i primi 18 mesi) e un assegno formativo a integrazione della Naspi.

“Il primo pensiero – aggiungono i parlamentari del Movimento 5 Stelle – va ai lavoratori, che in questo anno non hanno mai smesso di lottare. Sapevamo che il Ministero stava profondendo ogni energia per favorire uno sbocco positivo della crisi, e sapevamo pure che c’erano momenti in cui era necessario restare in silenzio, per evitare che annunci intempestivi potessero pregiudicare il delicato equilibrio su cui stavano procedendo trattative. Per quanto di nostra competenza abbiamo continuato a monitorarne l’evolversi, e oggi siamo felici di poter finalmente festeggiare una buona notizia. L’impegno che assumiamo è di continuare a essere vigili, perché l’importante risultato di oggi garantisca alla Treofan il migliore dei futuri possibili”.

Esprime soddisfazione anche il consigliere regionale Michele Cammarano: “Una buona notizia per il territorio di Battipaglia e di tutta la provincia di Salerno – commenta – Dopo più di un anno di trattative, grazie all’estenuante lavoro dei nostri ministri, una vertenza territoriale trova la giusta conclusione. Più di 50 famiglie possono guardare avanti con fiducia grazie alla salvaguardia dei livelli occupazionali”.

– Claudia Monaco –

 

Un commento

  1. Massimo Lorenzi says:

    Ora cosa diranno i detrattori del Movimento 5 Stelle, che nel frattempo li hanno mediaticamente linciati definendoli incapaci e dilettanti?
    Beninteso, questi sicuramente non si possono definire grandi statisti, ma sono gli unici, fino a prova contraria, che non rubano e rubato nel passato.
    Tra l’altro se l’Italia e’ ridotta socialmente, economicamente, e, direi anche, eticamente ai minimi termini non e’ certamente da attribuire al Movimento 5 Stelle.
    Anzi se volete spiegazioni a proposito chiedete agli ex socialisti e democristiani del territorio. Rivolgetevi sopratutto ai socialisti che qualche settimana addietro hanno incensato Bettino C. indicandolo come pietra miliare della buona politica e “martire” della magistratura. E se qualcuno avesse dubbi in proposito si andasse a rileggere le sentenze passate in giudicato, e le relative motivazioni di condanna verso quel “signore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*