Si è svolto ieri pomeriggio presso il Comune di Palomonte un importante incontro dal titolo “Costruire l’eccellenza, dare un futuro al Sud“. Molti gli ospiti presenti tra cui il Ministro per il Sud e la Coesione Territoriale Giuseppe Provenzano, il Rettore dell’Università Iuav di Venezia Alberto Ferlenga, il Direttore della Fondazione Leonardo Lorenzo Fiori, il Direttore Civiltà delle Macchine Peppino Caldarola e i sindaci del comprensorio.

Dopo il monologo di apertura curato da Claudia Fiasca intitolato “La scuola dell’ingegno”, seguito dai saluti istituzionali del sindaco di Palomonte Mariano Casciano, si è partiti con il convegno incentrato sui problemi che affliggono il Sud e le proposte di riscatto, tra le quali si colloca la scuola di comunità che l’Amministrazione comunale ha immaginato per rilanciare il paese.

Intervenire in questo progetto è stata una questione di buon senso perché ci siamo resi conto che dal dopoguerra sono state ricostruite scuole approssimative, non in grado di dialogare con il mondo – ha affermato Ferlenga –. Abbiamo quindi deciso di essere di supporto, mettendo le nostre competenze a servizio di questo disegno innovativo”.

L’idea si basa su un modello di scuola aperta alla collettività, un luogo di studio al mattino per i ragazzi, di aggregazione al pomeriggio per gli adulti e a basso impatto energetico.

Sono stato affascinato sin dall’inizio da questa iniziativa, perché abbiamo bisogno di normalità e cosa c’è di più normale di una scuola, il primo luogo dove si prende coscienza del mondo – ha dichiarato il Ministro Provenzano – Affinché le aree interne non diventino il Sud nel Sud, lo sviluppo deve puntare alle piccole realtà, attraverso servizi ed infrastrutture per abbattere il muro dell’isolamento”.

Un convegno con al centro il Comune di Palomonte come promotore di idee e programmi di sviluppo. “Questo progetto rappresenta una grande chance per il nostro territorio – ha spiegato il sindaco Casciano – perché l’unica possibilità di salvezza per il Sud è la scuola“.

Serena Picciuolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*