Anche il Vescovo della Diocesi di Teggiano Policastro, padre Antonio De Luca, domenica 7 giugno sarà al Santuario della Madonna della Neve sul Monte Cervati a Sanza, la vetta più alta della Campania con i suoi 1.900 metri circa, per la riapertura.

L’apertura ufficiale, alle ore 11.00, avverrà nel rispetto delle norme sanitarie e del memorandum della Diocesi di Teggiano-Policastro. Ci sarà il commovente momento dello svelamento della statua nella grotta, l’intronizzazione del quadro della Madonna e la celebrazione della Santa Messa all’aperto davanti al santuario montano.

Per l’Arciconfraternita della Madonna della Neve l’apertura del santuario è motivo di gioia e di preghiera, ma non ci sarà una festa né una processione, quindi bisognerà evitare assembramenti e utilizzare sempre la distanza fisica di 1,5 metro se in movimento o di 1 metro se fermi.

Saranno adottate tutte le misure indicate per le celebrazioni eucaristiche col popolo: niente acquasanta, niente strette di mano o scambio di pace e comunione in mano.

Il santuario mariano del Cervati è un luogo di culto ultra millenario che ricade nel territorio del Comune di Sanza, la cui chiesa madre custodisce la statua della Madonna per tutto l’anno tranne il periodo in cui, tra luglio e agosto, viene condotta sul Monte per la venerazione.

I fedeli non potranno entrare né nella cappella e né nella grotta. Il saluto potrà essere fatto all’ingresso. Per le successive visite al santuario è consigliata la prenotazione al numero 324/9915472.

– Paola Federico –

2 Commenti

  1. Neverina laveglia says:

    IO PERSONALMENTE, CHE SONO UNA “ CEREVATARA” DALLA NASCITA, A MALINCUORE NON CONDIVIDO LA SCELTA FATTA !!!LA NOSTRA MADONNA CI HA MESSO ALLA PROVA !!!!! UNA DURA PROVA !!!!!! OVE HA CHIAMATO A SE MIEI COLLEGHI, IN SERVIZIO, E TANTE PERSONE INNOCENTI, CHE FORSE NON ERANO DI QUESTA VITA !!!!!!! SI PUÒ PREGARE IN CASA ❗️LA SI PUÒ RISPETTARE PERSONALMENTE OGNI SINGOLA PERSONA A LEI DEVOTA !!!!!!!! PERCHÉ LASSÙ, DA ME LA PRIMA , RISPETTOSA DELLE ORMAI CONOSCIUTE REGOLE E VIVENDO ANCORA CON IL MIO LAVORO LA MALATTIA IN PIENO, NON POTREI TRATTENERE IL MIO CUORE A NON ENTRARE NELLA SUA CASA E BACIARLA ! Allora ragazzi, padre Giuseppe e sig . Vescovo ……..abbiamo una VITA PER POTERLA ONORARE IN PIENA SICUREZZA!!!!!! RISERVIAMOCELA PERÒ QUESTA VITA ❗️❗️❗️CREDETEMI NON È ANCORA IL MOMENTO ❗️❗️❗️

  2. Antonio Cantelmi says:

    Se questa montagna si trovasse in Trentino o Val D’Aosta………….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*