Frana a Lauria. Regione stanzia i primi 200mila euro per lo sgombero dei detriti e messa in sicurezza



































La Regione Basilicata ha stanziato i primi 200mila euro per i lavori urgenti di messa in sicurezza del costone roccioso che si è staccato lungo la Strada Statale 19 in località Galdo a Lauria.

È questa la buona notizia per il territorio e per i pendolari, visto che Lauria è un punto di riferimento per l’area, per la presenza di scuole, uffici e servizi. Sono oltre 3000 i mezzi che in media, quotidianamente, passano sul tratto. Le operazioni di sgombero dei massi e del terreno sono già iniziate, con i mezzi al lavoro già qualche ora dopo lo smottamento. Inizieranno poi i lavori di messa in sicurezza, anche a seguito del sopralluogo dei tecnici della Provincia di Potenza insieme al presidente Rocco Guarino e al sindaco Angelo Lamboglia, che in Regione hanno incontrato l’assessore alle Infrastrutture Carmine Castelgrande, il direttore generale del Dipartimento Infrastrutture Liliana Santoro e il dirigente del settore Viabilità della Provincia, Antonio Mancusi.

La Regione – ha dichiarato Lamboglia – ha dato la disponibilità economica affinché si possa garantire la messa in sicurezza del costone roccioso, e quindi la riapertura al traffico. Tutto però richiede anche un’analisi della parete rocciosa che, ci auguriamo, non richieda particolari interventi. In questi giorni seguiremo l’evolversi della situazione e convocherò in Comune un tavolo con tutti i soggetti coinvolti, per avere un quadro chiaro“.








Le scuole sono regolarmente aperte dopo un giorno di chiusura, ma al momento per raggiungere Lauria i tempi si allungano per chi proviene dalla Valle del Mercure, con un percorso alternativo di 20 km attraverso l’A2 del Mediterraneo, con uscita a Lauria Nord.

– Claudio Buono –


  • Articolo correlato:

13/1/2019 – Frana di grosse dimensioni a Galdo di Lauria. Chiusa al traffico la ex Strada Statale 19





































Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*