Contributi concessi alla Croce Rossa Italiana. Scatta il processo per il sindaco di Eboli Massimo Cariello, per l’ex assessore alle politiche sociali Lazzaro Lenza e per il dirigente del Settore politiche sociali Agostino Mastrangelo, ormai in pensione.

Come si legge su “Il Mattino”, i tre sono protagonisti dell’inchiesta sul contributo di 8mila euro versato all’associazione di volontariato per il progetto “Doposcuola solidale” che, sulla carta, non doveva incidere sui conti dei Comune. Il Gup Ubaldo Perrotta, all’esito dell’udienza preliminare, ha rinviato a giudizio i tre imputati che dovranno presentarsi davanti al giudice nel mese di gennaio per il processo.

Le accuse ipotizzate dalla Procura sono di abuso d’ufficio e falso ideologico in concorso. L’episodio fu denunciato dai consiglieri di minoranza Damiano Cardiello e Santo Fido Venerando, che evidenziarono una serie di anomalie. Gli imputati, secondo la tesi della Procura, in violazione della delibera che aveva previsto la sola concessione del patrocinio al Comune di Eboli in favore della Croce Rossa per la realizzazione del progetto, escludendo ogni spesa per l’ente, avrebbero affidato l’esecuzione del progetto, già terminato, alla Croce Rossa, liquidando in suo favore la somma di 8mila euro, attestando falsamente che il progetto fosse ancora in corso.

– Paola Federico –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*