Il porto di Scario presto ritornerà perfettamente agibile. Il Comune di San Giovanni a Piro, infatti, ha chiesto e ottenuto dalla Regione Campania il finanziamento di 151mila euro, somma necessaria per i lavori di ripristino e messa in sicurezza del molo di sopraflutto, gravemente danneggiato dalla mareggiata che nella notte tra il 12 e il 13 novembre aveva colpito l’intera costa campana procurando gravi danni in molte strutture portuali.

Evidenti sono ancora i segni lasciati dalla furia del mare che aveva completamente sradicato il muro della banchina di sopraflutto, per circa 63 metri, lesionato gran parte della banchina, inclinato la parte terminale del molo con un ulteriore abbassamento della quota della testata e infine aveva completamento danneggiato l’impianto elettrico e idrico presente sul porto. Una situazione, la cui eventuale persistenza, avrebbe potuto compromettere l’intera stagione estiva e procurare gravi danni all’economia di tutto il Comune.

Un’eventualità però che, grazie al lavoro dell’intera squadra amministrativa, è stata scongiurata.

Non ci siamo mai fatti prendere dal panico – ha dichiarato il Sindaco Ferdinando Palazzo -. In questi mesi abbiamo lavorato in piena sinergia e sintonia con la Regione Campania, la Protezione Civile e la Capitaneria di Porto per riuscire a risolvere la questione nel più breve tempo possibile e ci siamo riusciti. Domani già saremo operativi con una ditta di sub che verrà a fare un sopralluogo sul molo. Siamo molto soddisfatti dell’ottimo risultato raggiunto“.

Infine il Sindaco Palazzo ha ringraziato il vicepresidente della Regione Campania Fulvio Bonavitacola e l’onorevole Luca Cascone per il supporto e la disponibilità mostrate in questi due mesi.

– Maria Emilia Cobucci –


  • Articoli correlati

16/11/2019 – Violenta mareggiata al Porto di Scario. Il Comune di San Giovanni a Piro dichiara lo stato di calamità

13/11/2019 – Maltempo. La furia del mare abbatte il muro del Porto di Scario, Capitaneria chiude molo di sopraflutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*